B1 Maschile
sabato 22 agosto 2015
VOLLEY
Alessandro Paoli rinforzo di lusso per l'Avs Bolzano

Secondo botto estivo per l’AVS Bruno Mosca, che dai mari della lontana Calabria ha portato a Bolzano – dopo Mauro Gavotto – un altro pesce grosso: Alessandro Paoli. Anche il centrale trentino infatti l’anno scorso schiacciava e murava per Vibo Valentia, dove ha disputato la sua settima stagione consecutiva in serie A segnata purtroppo da un infortunio: «Nel precampionato mi sono procurato una lussazione alla spalla e praticamente non ho giocato per tutta l’andata. Poi al ritorno è andata meglio e anche nei playoff ho avuto modo di trovare parecchio spazio».
L’amaro dell’infortunio è stato comunque addolcito dalla conquista della Coppa Italia di A2, giunta dopo la strepitosa doppietta dell’anno prima a Padova: promozione diretta e Coppa della serie cadetta.
«È stata una stagione veramente eccezionale, ma anche delle annate precedenti ho degli ottimi ricordi». Ricordi che partono dalla promozione tra i professionisti con la Zinella Bologna nel 2008 e culminati con l’approdo in A1 nella stagione 2009-10 a Loreto. E qui inizia quel gioco del destino che lo avrebbe portato, lui trentino, a Bolzano, a due passi dalla famiglia composta dalla moglie Natalia (ex pallavolista ed ora procuratrice) e dalla bimba di un anno e mezzo.
«A Loreto ho avuto come allenatore Luca Moretti, che nel 2003-04 aveva guidato la squadra di Bolzano (Südtirol Volley ndr) che per due anni avrebbe fatto la A2 prima di sparire. Al primo anno ero anche andato in ritiro con loro, solo che alla fine la società decise di completare la rosa con una banda invece che con un centrale e le nostre strade si divisero».
Oltre a Moretti, Paoli qualche anno dopo ha incrociato anche un giocatore del Südtirol Volley, Cristiano Lucchi, suo compagno di squadra a Bologna in A2, un anno difficile da dimenticare per il centrale trentino: «Eccome se lo ricordo, in quella stagione sono stato il miglior muratore della A2».
Scorrendo il curriculum di Paoli figura anche un anno a Bolzano in B2, ma in realtà quella squadra era frutto di una collaborazione con l’Argentario di Trento, la società dove ha mosso i primi passi verso l’alto. Ad ogni modo stavolta, dopo tre anni di “yo-yo” per l’Italia – da Brolo (Messina) a Padova e poi nuovamente giù in Calabria – Paoli è veramente un giocatore di Bolzano, pronto alla nuova sfida: «Ho accettato di giocare in B1, perché mi è piaciuto il progetto dell’AVS Bruno Mosca. La società è ambiziosa e ben strutturata e voglio assolutamente tornare al più presto in serie A».
E per concludere con le curiosità, in Alto Adige Paoli ritroverà Michele Capra, suo compagno di club tre anni fa a Brolo: il martello trentino infatti, approdato l’anno scorso alla corte di coach Andrea Burattini, è stato confermato al pari dell’altro martello Massimo Andriano.

La scheda di Alessandro Paoli



  • 2014-2015 A2 Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia
  • 2013-2014 A2 Tonazzo Padova
  • 2012-2013 A2 Elettrosud Brolo
  • 2011-2012 A2 Energy Resources Carilo Loreto
  • 2010-2011 A2 Energy Resources Carilo Loreto
  • 2009-2010 A1 Esse-Ti Carilo Loreto
  • 2008-2009 A2 Wayel Bologna
  • 2006-2008 B1 Zinella Bologna
  • 2005-2006 B1 Volley Trento
  • 2004-2005 B2 Pallavolo Cles
  • 2003-2004 B2 Alpina Sudtirol Bolzano
  • 2001-2003 B2 Volley Ball Trento
  • 2000-2001 B2 Argentario Trento


Palmarès

  • 2015 Coppa Italia A2
  • 2014 Campionato A2
  • 2014 Coppa Italia A2

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,734 sec.

Inserire almeno 4 caratteri