B Maschile
domenica 19 marzo 2017
VOLLEY
Contro Treviso arriva il settimo sigillo (3-0) dell'Avs

Settima vittoria consecutiva, imbattibilità conservata nel girone di ritorno, ancora un ricco bottino per la premiata coppia Gavotto-Ingrosso (41 punti in due), ma soprattutto tre punti che permettono di mantenere tre lunghezze di vantaggio sul terzo posto: questi i contenuti del 3-0 che l’AVS Mosca Bruno ha inflitto sul parquet delle “Max Valier” ai giovani del Volley Treviso.
Contro una squadra che punta a riconquistare il titolo italiano Under 19 si sapeva che non sarebbe stata una passeggiata, perché per i ragazzi di coach Zanin ogni palla è un’esperienza in più. Da parte sua l’AVS non ha mantenuto la costanza di gioco espressa nelle ultime partite, cosicché tutti e tre e set si sono trascinati in bilico – seppur con andamento diverso – fino al termine. Gli altoatesini sono stati comunque bravi a rimanere lucidi nelle fasi cruciali, perché in serate del genere c’è il rischio di lasciare per strada punti. Cosa successa ad altre formazioni, come Padova ad esempio, che sabato ha vinto solo al tie-break ed è scivolata a sei lunghezze dall’AVS. Ha vinto invece Motta e rimane a -3 dalla squadra di coach Burattini, per cui a 6 giornate dal termine si può affermare che Prata è destinata ad arrivare prima e che per il secondo (e ultimo) posto che vale i playoff se la giocheranno bolzanini e trevigiani. E il 1° aprile è in programma lo scontro diretto alle “Max Valier”. Ma ecco la cronaca del match.

La cronaca


Formazione tipo per l’AVS con Spagnuolo in regia opposto a Gavotto, Paoli e Bleggi al centro, Ingrosso e Agostini in banda, Thei libero. Coach Michele Zanin risponde con De Giovanni in regia (al posto dell’influenzato Alberini) opposto a Lugli (top scorer nel match di andata), Cortesia e Pilotto al centro, Fiscon e Saibene di banda, Santi libero. Sull’1-2 l’AVS cambia marcia e con Paoli a muro accelera: 4-2. Il +3 al time out tecnico (8-5) sembra preludere ad un compitino tranquillo per l’AVS ma non è così. Due errori bolzanini riportano sotto Treviso (9-8), Paoli mura per il nuovo tentativo di fuga (11-8), sul 20-16 sembra fatta ma i giovani di Zanin risalgono la china grazie ai servizi potenti di Saibene e Fiscon e impattano sul 23-23. A scansare il pericolo arrivano un’invasione di Pilotto e una bordata di Ingrosso.
Nel secondo set l’AVS si ripresenta più convinta ed è subito 3-0 con muri di Gavotto e Paoli, ma Treviso ricuce subito con Fiscon e un ace di Saibene: 3-3. Poi l’AVS non fa più cadere un pallone e le ricostruzioni affidate a Gavotto e Ingrosso procurano un tranquillizzante 12-6. Il ricco vantaggio rimane fin dopo la seconda pausa (17-11), poi Fiscon va a battere, mette in croce la ricezione bolzanina e tra un errore e l’altro si arriva al muro di Pilotto su Gavotto: 17-17 e tutto da rifare. Dentro Lizzola per Spagnuolo e sul 19-19 il break lo firma proprio il secondo alzatore con un ace sporco: 21-19. L’AVS amministra le due lunghezze e chiude ancora con Ingrosso.
Il copione non cambia nel terzo set, con Treviso che ribatte colpo su colpo. Sul 5-6 due errori ospiti e un ace di Bleggi mandano l’AVS avanti al primo riposo (8-6), Paoli e Ingrosso allungano (11-8) ma Cortesia annulla il gap con un ace: 11-11. L’AVS riparte e vola sul 15-11 (muro Agostini su Lugli). Anche stavolta però i bolzanini si bloccano sul 17 (a 13) e Treviso risale con due punti di Pilotto fino al 17-17. Sul 20-20 l’AVS allunga grazie a due errori ospiti, sul 24-21 fa venire i brividi ai tifosi con due falli di fila, per fortuna capitan Gavotto chiude i conti, permettendo alla squadra di festeggiare come si deve Luca Spagnuolo per i suoi 19 anni compiuti sabato. Una nota di merito anche per la coppia arbitrale Giglio-Tassinari, pressoché impeccabile.

Le dichiarazioni


Andrea Burattini sa che in questo momento della stagione non bisogna guardare tanto per il sottile: «Sono contento per i tre punti. Sapevamo che sarebbe stata una partita complicata – analizza il tecnico della squadra altoatesina – perché le squadre giovani durante la stagione crescono tecnicamente. Peccato perché nel secondo e terzo set non abbiamo gestito un cospicuo vantaggio e ci siamo complicati la vita. Però se anche con prestazioni non perfette i ragazzi riescono a portare a casa la vittoria senza perdere neanche un set, meritano solo complimenti. Adesso prepariamo bene la lunga trasferta di Trieste e poi aspettiamo Motta a casa nostra».

Il tabellino


AVS MOSCA BRUNO – VOLLEY TREVISO 3-0 (25-23, 25-22, 25-23) (75-68)
AVS MOSCA BRUNO: Spagnuolo 1 (1 muro), Gavotto 21 (20 att + 1 muro), Ingrosso 20 (19 att + 1 muro), Agostini 3 (2 att + 1 muro), Paoli 7 (3 att + 4 muri), Bleggi 5 (4 att + 1 ace), Thei (L), Lizzola 1 (1 ace). N.e. Salviato, Polacco, Petrich. All. Andrea Burattini
VOLLEY TREVISO: De Giovanni, Lugli 9, Saibene 13, Fiscon 11, Cortesia 7, Pilotto 7, Santi (L), Gionchetti, Mason, Cadamuro. N.e. Zanatta. All. Michele Zanin
ARBITRI: Anthony Giglio di Trento e Valentina Tassinari di Vicenza.
DURATA SET: 30’, 31’, 31’
NOTE: AVS Mosca Bruno: muri 8, ace 2, battute sbagliate 8, errori 13
Volley Treviso: muri 5, ace 5, battute sbagliate 6, errori 9

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Inserire almeno 4 caratteri