SuperLega
sabato 7 ottobre 2017
VOLLEY
La Diatec Trentino rimedia solo un set contro una bella Perugia

La semifinale di Del Monte Supercoppa resta stregata per la Diatec Trentino. Come già accaduto nella scorsa edizione al PalaPanini, la corsa della formazione trentina verso il possibile primo traguardo stagionale si è dovuta arrestare già al primo atto della competizione anche a Civitanova Marche. A disputare la finale sarà la Sir Safety Conad, che nella seconda gara della giornata odierna all’Eurosuole Forum si è imposta per 3-1, relegando quindi la squadra di Lorenzetti alla partita che determinerà il terzo posto (domenica alle ore 15 contro Modena).
Come ipotizzato alla vigilia i gialloblù, hanno faticato ad esprimere un gioco continuo, pagando l’inevitabile la mancanza di intese fra i singoli e fra i vari reparti, ma hanno comunque offerto spunti interessanti che fanno ben sperare per il futuro.
Il carattere, ad esempio, è già un elemento distintivo del rinnovatissimo gruppo allestito in estate. Sotto 0-2 e 20-23 nel terzo set, Vettori e compagni sono stati infatti in grado di rialzare la testa e vincere in maniera rocambolesca quel parziale, proseguendo su buoni livelli anche nel successivo. La determinazione e la voglia di sacrificarsi su tutti i palloni non sono però bastati a reggere l’onda d’urto degli umbri, apparsi già molto precisi a muro (a segno 17 volte in tre set) ed in battuta, dove sovente hanno messo in difficoltà la linea a tre di ricezione trentina. La grande prova di Atanasijevic (25 punti) e del rientrante Russell hanno poi completato il 3-1 finale. Fra i trentini positivo l’esordio di Eder (10 punti col 62% e 2 muri) e dello stesso Vettori, best scorer gialloblù con 18 punti, il 59% a rete e soprattutto i due ace che hanno riscritto la storia del terzo parziale.

La cronaca


Angelo Lorenzetti schiera la sua nuova Diatec Trentino in formazione tipo, affidandosi Giannelli al palleggio, Vettori opposto, Lanza e Kovacevic in banda, Eder e Zingel al centro e De Pandis e Chiappa che si alternano nel ruolo di libero. La Sir Safety Conad Perugia proposta da Lorenzo Bernardi prevede De Cecco in regia, Atanasijevic opposto, Zaytsev e Russell schiacciatori, Anzani e Podrascanin centrali, l’ex di turno Colaci libero. L’avvio di match è sofferto per i gialloblù,
che faticano in fase di cambiopalla e sbagliano due volte a rete con Vettori (2-6). Il time out di Lorenzetti è provvidenziale, perché Trento in seguito inizia a giocare meglio, riavvicinando gli avversari (7-9), almeno sino a quando non si scatena Russell (9-14). Kovacevic lascia andare il braccio e riporta sotto i suoi (13-16) con un ace e due attacchi. Dopo aver vacillato, Perugia riparte col muro e con lo stesso statunitense (15-20 e 17-23), chiudendo i conti alla terza palla set con un primo tempo di Anzani (20-25).
Nel secondo set la musica non cambia: gli umbri scappano via subito coi servizi di De Cecco (2-4) e poi aumentano progressivamente la loro velocità (6-10), capitalizzando al massimo tutte quello che gli avversari concedono.
La Diatec Trentino soffre in attacco, mentre in questo fondamentale Perugia affonda spesso il colpo con Russell (9-14, 10-16 e 14-20) senza trovare particolari problemi. Lo 0-2 arriva già sul 18-25 con troppi errori gialloblù, in particolar modo dalla linea dei nove metri.
Il divario fra le due formazioni non viene colmato nemmeno in avvio di terzo set, in cui la Sir Safety Conad continua a dettare legge al servizio (2-5). Vettori prova a rialzare la testa (5-7) ed in seguito viene imitato da Zingel ed Eder che ricuciono dall’8-12 al 10-12 (time out Bernardi). Perugia è molto attenta e con Podrascanin a muro scava di nuovo un solco profondo fra le due formazioni (12-18). Sembra l’allungo decisivo, ma non è così perché sull’orlo del precipizio (18-22) la Diatec Trentino riemerge coi servizi di Giannelli e Vettori, che firma gli ace dell’incredibile sorpasso (24-23); il muro di Eder su Atanasijevic vale il 25-23 e riapre incredibilmente la partita (1-2).
Galvanizzata dal rocambolesco finale della precedente frazione, la Diatec Trentino si mette di nuovo all’inseguimento di Perugia, che prova più volte l’allungo (6-8, 7-10). Vettori ed Eder passano con regolarità (10-13), Giannelli firma l’ace del meno uno (12-13) prima che Atanasijevic firmi un nuovo allungo (14-17), che di fatto decide il match, perché poi Trento non riesce più a recuperare (18-22 e 22-25).

«Sapevamo che avremmo potuto incontrare difficoltà nella fase di cambiopalla, aspetto che effettivamente si è presentato e ci ha penalizzato – ha commentato al termine della partita Angelo Lorenzetti - . Tanti giocatori hanno sicuramente pagato lo scotto dell’esordio, ma lo dobbiamo accettare. Le cose migliori sono arrivate nel terzo set; è stato importante vincerlo per tutta una serie di motivi, primo fra tutti quello di poter giocare ancora ad alti livelli subito dopo. I nostri problemi si sono evidenziati anche in alcune occasioni di break point non sfruttate, che forse avrebbero potuto ulteriormente cambiare il volto della nostra partita».

Il tabellino


Diatec Trentino - Sir Safety Conad Perugia 1-3 (20-25, 18-25, 25-23, 22-25)
DIATEC TRENTINO: Eder 10, Vettori 18, Lanza 8, Zingel 9, Giannelli 5, Kovacevic 10, De Pandis (L); Chiappa (L), Hoag, Cavuto, Teppan. N.e. Kozamernik e Partenio. All. Angelo Lorenzetti
SIR SAFETY CONAD PERUGIA: Anzani 3, De Cecco 7, Zaytsev 10, Podrascanin 9, Atanasijevic 25, Russell 16, Colaci (L); Siirila, Shaw, Ricci, Della Lunga. N.e. Cesarini, Berger. All. Lorenzo Bernardi.
ARBITRI: Gnani di Ferrara e Cesare di Roma.
DURATA SET: 26’, 26’, 30’, 31’; tot 1h e 53’.
NOTE: 4.023 spettatori. Diatec Trentino: 7 muri, 6 ace, 22 errori in
battuta, 5 errori azione, 42% in attacco, 61% (27%) in ricezione. Sir Safety Conad: 17 muri, 9 ace, 14 errori in battuta, 4 errori azione, 49% in attacco, 56% (30%) in ricezione.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.

Inserire almeno 4 caratteri