SuperLega
domenica 3 febbraio 2019
VOLLEY
Per l'Itas Trentino un rapido 3-0 contro Castellana Grotte

L’Itas Trentino non lascia scampo al fanalino di coda BCC Castellana Grotte nel ventesimo turno di regular season di SuperLega Credem Banca 2018/19. I Campioni del Mondo questa sera hanno impiegato poco più di un’ora e un quarto per avere la meglio sulla formazione pugliese ultima della classe, che ha ben presto alzato bandiera bianca di fronte allo strapotere tecnico e fisico mostrato sul mondoflex di gioco dai padroni di casa.
Il 3-0 consente alla squadra di Lorenzetti di ritrovare la vittoria di fronte al proprio pubblico in campionato, confermando il secondo posto in classifica. L’ultimo match prima della Final Four di Del Monte® Coppa Italia 2019 ha messo in evidenza la buona condizione dell’intera formazione titolare trentina; l’allenatore trentino ha riproposto la formazione tipo per buona parte della partita, ottenendo risposte incoraggianti soprattutto dal servizio (a segno nove volte a fronte di nove errori) e dall’intero trio di palla alta, andato tutto in doppia cifra. Fra i migliori, il rientrante Kovacevic che, dopo due turni di riposo concessigli dallo staff tecnico, ha dimostrato di non aver perso smalto firmando una partita molto convincente in attacco (16 punti col 56%). Senza più Renan e con anche il suo naturale sostituto Kruzhkov non al meglio, Castellana Grotte ha schierato l’ex Zingel nel ruolo di opposto; per buona parte del match l’australiano non ha sfigurato (15 palloni vincenti), ma è stato lasciato troppo solo dai compagni, in serata negativa in battuta ed in attacco.

La cronaca


Gli starting six non riservano grandi sorprese: Lorenzetti rioffre, dopo due turni di riposo, una maglia da titolare a Kovacevic, risparmiando in questo caso Van Garderen; Giannelli in regia, Vettori opposto, Lisinac e Candellaro al centro e Grebennikov libero sono gli altri cinque scelti per la formazione di partenza. Di Pinto si affida a Falaschi al palleggio, Zingel (premiato prima del match per la prima da ex di turno) nel ruolo di opposto, Mirzajanpour e Wlodarczyk schiacciatori, Scopellitti e De Togni al centro, Cavaccini libero. L’avvio di partita è proprio nel segno dell’australiano, che mette a terra subito due palloni che offrono il vantaggio agli ospiti (3-4) e poi capitalizza anche quello del 6-6, dopo che Trento era passata a condurre con un muro di Lisinac su Mirzajanpour. Aidan sigla anche il nuovo vantaggio pugliese (8-9) che poi raddoppia quando Vettori spara out un attacco da seconda linea (9-11); l’ace di Candellaro sul post 4 iraniano vale la nuova parità (12-12). Con Kovacevic al servizio e Russell in contrattacco l’Itas Trentino cambia marcia e vola sul +3 (16-13, time out BCC), che poi diventa +5 (19-14) quando anche Lisinac trova una battuta punto, pochi istanti dopo. Il finale di set vede i padroni di casa dilagare (23-16, altri due ace stavolta di Russell) e viaggiare velocemente verso l’1-0 che arriva già sul 25-18 con un attacco di un ispirato Luca Vettori.
Castellana Grotte prova a reagire in avvio di secondo set, sfruttando il buon momento del suo servizio e del solito Zingel a rete; la BCC guadagna anche tre punti di margine (4-7), che Trento fatica a recuperare (6-9), almeno fino a quando non si scatena Kovacevic a rete e Grebennikov in seconda linea. L’Itas Trentino pareggia i conti a quota dieci e poi mette la freccia (12-10 e 15-11) prendendo saldamente in mano le redini del gioco con Uros infermabile e Vettori che non sbaglia un colpo. Sul 18-12 il set è tutto in discesa e l’opposto emiliano affonda ulteriormente il colpo con attacchi e servizio (22-16) e ispira il 2-0 (25-17, primo tempo di Candellaro).
Nel terzo set Lorenzetti offre ancora spazio Codarin, già in campo al posto di Lisinac nelle battute finali del precedente parziale; Lorenzo si fa notare col muro su Wlodarczyk che vale il primo vantaggio interno sul 6-5, dopo che Trento era andata sotto per 2-4 per mano del solito Zingel. La contesa va avanti sul filo dell’equilibrio sino all’11-11 quando poi un altro muro di Codarin (stavolta sulla pipe di Mirzajanpour) consente l’allungo sul +2 (13-11). E’ lo spunto che sblocca i Campioni del Mondo e che indirizza definitivamente la partita, perché poi ci pensano Kovacevic (pirotecnico in attacco) e Giannelli a far volare velocemente i gialloblù verso il 3-0 (18-12, 21-15) che si materializza sul 25-20, dopo un generoso tentativo ospite di tornare nel match sino al meno tre (23-20).

Le dichiarazioni


«Sono tre punti importanti per la nostra corsa in campionato, anche perché ci attenderanno in questa parte finale di regular season altri impegni difficili in trasferta - ha dichiarato l’allenatore dell’Itas Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match - . Oltretutto all’andata avevamo lasciato un punto agli avversari e ci tenevamo a riscattarci in questa partita; il risultato ci permette di aumentare il vantaggio sulla quarta posizione, situazione propizia per poi ottenere la eventuale qualificazione alla Champions League. Nonostante la stanchezza, la squadra stasera ha saputo tenere alta la concentrazione ed il ritmo, senza mai sbandare troppo e mettendo in campo il giusto spirito».

Il tabellino


Itas Trentino - BCC Castellana Grotte 3-0 (25-18, 25-17, 25-20)
ITAS TRENTINO: Vettori 13, Russell 15, Candellaro 7, Giannelli 1, Kovacevic 16, Lisinac 3, Grebennikov (L); Codarin 5, Daldello, Cavuto, Nelli 2. N.e. De Angelis. All. Angelo Lorenzetti.
BCC: Wlodarczyk 7, Scopellitti 5, Zingel 15, Mirzajanpopour 6, De Togni 3, Falaschi 2, Cavaccini (L); Kruzhkov, Quartarone, Pace, Studzinski 1. N.e. Agrusti. All. Vincenzo Di Pinto.
ARBITRI: Brancati e Santi di Città di Castello (Perugia)
DURATA SET: 25’, 27’, 27’; tot 1h e 19’.
NOTE: 2.761 spettatori, per un incasso di 20.229 euro. Itas Trentino: 7 muri, 9 ace, 9 errori in battuta, 7 errori azione, 52% in attacco, 65% (27%) in ricezione. BCC: 6 muri, 0 ace, 4 errori in battuta, 9 errori azione, 41% in attacco, 64% (23%) in ricezione. Mvp Kovacevic.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,797 sec.

Inserire almeno 4 caratteri