Mercato
mercoledì 9 maggio 2012
VOLLEY
Settimana decisiva per il ritorno della B1 in rosa a Trento

Certo, la stagione ancora deve finire. Mancano playoff e playout, ma già si stanno ormai muovendo le grandi manovre in vista del prossimo anno. Ma già si sta lavorando per il futuro, per la stagione prossima che sarà quella che rivedrà tornare la pallavolo trentina in serie B1 femminile. In settimana, infatti, sarà definito il nuovo progetto di una serie B1 in rosa a Trento dopo la fine dell'avventura La Trentina (sponsor che adesso dovrebbe tornare in B1 lasciando Lizzana), con ai vertici sempre l'ex gruppo dirigente nato dall'esperienza del Torrefranca. La volontà c'è, il titolo sportivo di B1 anche e qualche contatto ben avviato con alcune giocatrici pure, un buon budget sembra esserci, si stanno definendo in questi giorni le modalità operative dell'iniziativa e se realizzarla da soli oppure con altri partner. Una volta che gli ultimi tasselli saranno al loro posto allora si alzerà il velo su questa nuova serie B1 a Trento, questione di pochi giorni.

Ma questo non è l'unico movimento in arrivo, in quanto dopo la retrocessione dalla B2 maschile la Trentino Volley può contare su un ripescaggio alquanto sicuro visto che le squadre giovanili sono in pole position in tal senso. Ma in questa pallavolo fatta di crisi e di una da più parti ventilata possibile riduzione da 14 a 12 squadre per girone di serie B non stupirebbe nemmeno una chiacchierata con il C9 Arco Riva per un eventuale scambio di titoli sportivi fra B2 e C. Dipenderà dalle possibilità economiche della squadra gardesana e dai giocatori (regionali) che in queste prime settimane saranno capaci di portare ad Arco.
Scambio di titoli che potrebbe verificarsi anche in campo femminile, dove l'Argentario deve pensare al da farsi e già due anni fa rifiutò di farla, l'aria che tira è la stessa per cui difficilmente sarà B2. Almeno non da soli. Mentre coach Maurizio Moretti, che si separerà dal Marzola, è molto tentato da una nuova avventura trentina ma in B2 se si troverà una società disponibile a tentare l'avventura nei campionati nazionali. Attenzione anche a quel che succederà in Vallagarina, dove a Rovereto per ora tutto si concentra sui playoff contro Mondovì in dirittura d'arrivo, ma dopo si avranno profondi cambiamenti.

La campanella dell'allarme è già suonata a tutti i livelli, reperire forze economiche ed umane è sempre più difficile ed allora ecco che le prime voci vedono anche alcune società regionali a serio rischio chiusura. Qualche nome? L'Olimpia Trento di serie C maschile che sembra pronta a sospendere l'attività, tanto per fare un esempio. A breve queste prime soluzioni saranno le prime a doversi risolvere per una pallavolo che anche ai livelli di casa nostra, dalla serie B in giù, ha bisogno di essere sempre più sostenibile.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,766 sec.

Inserire almeno 4 caratteri