SuperLega
domenica 23 febbraio 2020
VOLLEY
Per la sesta volta la Coppa Italia è di Civitanova

La F4 della Del Monte® Coppa Italia incorona la Cucine Lube Civitanova per la sesta volta e chiude con un doppio sold out da 18.000 spettatori in due giorni all’Unipol Arena di Casalecchio di Reno per un incasso complessivo di 290.000 euro.
Dopo ben otto match ball sprecati al quarto set, i biancorossi superano la Sir Safety Conad Perugia al tie break nella resa dei conti e tornano a vincere la kermesse tricolore a distanza di tre anni dall’ultima volta (finale con Trento nel 2017, sempre all’Unipol Arena) e dopo le delusioni delle due finali perse contro i Block Devils, a Bari e a Casalecchio di Reno. I cucinieri conquistano così il diritto di participare alla prossima Coppa Cev e alla Finale a quattro della Supercoppa, gli umbri vedono cessare una lunga striscia di vittorie.
Juantorena festeggia anche il titolo di Del Monte MVP con 28 punti. Sul fronte opposto il top scorer Leon si conferma un fuoriclasse assoluto con 30 punti, ma i campioni uscenti devono abdicare.

Nel primo set gli attacchi si equivalgono, ma Perugia emerge a muro e al servizio, con Leon autore di una battuta a 126 km/h. Sul 19-21 arriva lo strappo nato da un errore di Kovar e da una giocata di Leon (19-23). A chiudere i conti è Lanza (21-25). Nel secondo set le ricezioni reggono e si decide tutto su attacco e correlazione muro-difesa, che in volata (23-23) premia Civitanova con il muro di Anzani, quarto di squadra nel set (25-23). Un Leon da 7 punti con l’86% di positività nel terzo set non sventa il sorpasso dei marchigiani, bravi a sfruttare l’alternanza dei liberi e un attacco di squadra che viaggia vicino al 60% grazie alla regia di Bruno (25-23). Il quarto set non ha una logica, ma si gioca sulle emozioni e diventa meraviglioso nel finale con la Lube avanti 24-22 (con il 52 %in attacco contro il 42% di Perugia). I cucinieri sprecano 8 match ball e annullano tre palle set prima di arrendersi alle battute di Rychlicki e ai due punti di Leon (34-36). Al tie break Civitanova non perde lucidità e compatezza ma scongiura un’incompiuta (15-10).
Secondo titolo in stagione dopo il Mondiale per Club per il sodalizio marchigiano. Un’altra prova di forza e carattere dei “Campioni di tutto”. Un carico di certezze in più oltre al testa a testa con Perugia per la vittoria della Regular Season e alla vittoria nella Pool A di Champions League, con qualificazione per i turni a eliminazione diretta. Una grande gioia anche per i numerosi tifosi biancorossi presenti.
Dopo le due vittorie da giocatore (2002 e 1992) e le tre da allenatore (nel 2001 con Cuneo e nel biennio 2008-2009 sulla panchina della Lube) Fefè De Giorgi riscatta la beffa dello scorso anno in Finale e torna ad alzare al cielo la Coppa Italia SuperLega. Si tratta della quinta volta per Juantorena, la seconda con Civitanova dopo le tre vinte con Trento, mentre Bruno è alla terza Coppa Italia, la prima in maglia Lube dopo le due con Modena. Secondo successo per i centrani Anzani e Simon, che in passato avevano vinto il trofeo, rispettivamente, con le casacche di Perugia e Piacenza.
Cori, flash dei fotografi e brividi anche alla cerimonia di premiazione, con la coccarda tricolore simbolo della vittoria e la Coppa fatte calare dell’alto con giochi di luci. A premiare la seconda classificata sono Michele Miccolis, Vicepresidente della Lega Pallavolo Serie A, e Giuseppe Manfredi, Vicepresidente della Fipav. Le medaglie ai vincitori sono distribuite da Diego Mosna, Presidente della Lega Volley Serie A, e da Pietro Bruno Cattaneo, Presidente FIPAV. E’ Massimo Righi, amministratore delegato della Lega Pallavolo a premiare Osmany Juantorena con la targa Del Monte® MVP. Anche la Coppa delle meraviglie è consegnata alla Lube da Mosna e Cattaneo.

La cronaca


In avvio De Giorgi schiera lo stesso sestetto della Semifinale con Bruno al palleggio per Rychlicki finalizzatore, Juantorena e Leal finalizzatori, Anzani e Simon al centro, Balaso libero.
Heynen risponde con De Cecco in cabina di regia e Atanasijevic opposto, Lanza e Leon schiacciatori, Ricci e Podrascanin centrali e Colaci libero.
Il primo set si apre sul filo dell’equilibrio. La scossa arriva con l’ace di Leon (12-16), che si segnala nel parziale per una battuta a 126 km/h, seguito dalla prodezza di Podrascanin. La grinta della Lube porta a tentativo di rimonta biancorosso con Juantorena che per due volte si riavvicina (18-19 e 19-20), ma i detentori del trofeo nel punto a punto hanno qualcosa in più e sul 19-20 sfruttano un’imprecisione di Kovar per mettere il turbo con Leon (19-23) e chiudere con Lanza (21-25).
Al rientro in campo i cucinieri cambiano mentalità e prendono il controllo. Leal fa concorrenza a Leon con un servizio a 118 km/h. L’allungo è firmato da Simone dal successivo mani out di Juantorena (15-12). Civitanova controlla senza patemi fino all’attacco out di Rychlicki (19-18), ma concede il pareggio incassando il muro di Ricci (21-21) e il sporpasso di Leon (21-22). Alla volata si arriva sul 23-23. Il +2 targato Juantorena e il muro di Anzani su Leon.
Il servizio di Leon scuote il terzo set con l’ace a 127 km/h del +3 (8-11). La Lube, che alterna Balaso e Marchisio in ricezione e difesa, trova il sorpasso con un block su Lanza (14-13). Simon, Osmany e un errore di Ricci danno il +3 alla Lube (18-15). I Block Devils mettono pressione (18-17), ma i cucinieri scavano un altro solco con la regia di Bruno e l’ace di Diamantini (23-19). La Sir rosicchia tre punti, ma sbaglia dai nove metri sul più bello (24-22). Alla seconda palla set è Osmany a chiudere (25-23).
Nel quarto set l’ace di Leon e il block di Atanasijevic lanciano Perugia (11-14). Leal al servizio risponde con un ace a 118 km/h e con la battuta che propizia il pareggio (15-15). Heynen si avvale con continuità di Plotnytskyi in banda e Russo al centro. Si procede punto a punto (19-18). Il sorpasso della Sir e l’ace di De Cecco non valgono il 19-21. Due giocate di Leal per il sorpasso e il duello a rete vinto dalla Lube (24-22) danno due match ball a Civitanova. Con tre punti di fila Perugia ribalta tutto (24-25). I biancorossi rispondono colpo su colpo per due volte mettendo la freccia con Juantorena (27-26). Leon fallisce il servizio (27-27). Sotto 27-28 la Lube centra un’altra rimonta con Rychlicki (29-28), ma Atanasijevic non ci sta (29-29). Leon risponde al muro di Rychlicki e al colpo di Diamantini (31-31), ma sbaglia la battuta (32-31). Rychlicki non fa meglio dai nove metri (32-32). Botta e risposta tra Leal e Atanasijevic (33-33). Juantorena si esalta, ma Simon vanifica al servizio (34-34). La battuta di Plotnytskyi manda in panne la ricezione Lube favorendo le giocate decisive di Leon (34-36).
Al tie break i cucinieri sfogano tutta la frustrazione per le occasioni sprecate nel set precedente e vanno sul +4 (9-5). Sul 10-7 Heynen inserisce Lanza e Podrascanin per Plotnytskyi e Russo. Sul 12-9 De Giorgi inserisce Kovar. Leon batte sulla rete (13-9), Rychlicki trova il mani out del 14-9.

Il tabellino


Cucine Lube Civitanova - Sir Safety Conad Perugia 3-2 (21-25, 25-23, 25-23, 34-36, 15-10)
Cucine Lube Civitanova: Mossa De Rezende 1, Juantorena 27, Anzani 5, Rychlicki 12, Leal 23, Simon 15, Marchisio (L), Massari 0, Balaso (L), D'Hulst 0, Kovar 0, Diamantini 8, Bieniek 1. N.E. Ghafour. All. De Giorgi. Sir Safety Conad Perugia: De Cecco 2, Leon Venero 31, Podrascanin 9, Atanasijevic 19, Lanza 8, Ricci 4, Biglino (L), Zhukouski 0, Colaci (L), Taht 0, Russo 5, Piccinelli 0, Plotnytskyi 7. N.E. Hoogendoorn. All. Heynen. ARBITRI: Gnani, Cesare. NOTE - Spettatori 8952, incasso 145000, durata set: 42', 31', 34', 50', 17'; tot: 174'

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,188 sec.

Inserire almeno 4 caratteri