SporTrentino.it
SuperLega

Codarin a Cuneo, tutte le uscite da Trentino Volley

Tempo di addii in casa Trentino Volley. Il profondo rinnovamento al quale è stato sottoposto l’organico a disposizione di Angelo Lorenzetti comporta la partenza di moltissimi atleti, che hanno vestito la maglia bianca e rossa dell’Itas nell’ultima stagione. Molti di loro si sono già accasati nelle nuove società, vediamo il dettaglio ruolo per ruolo.
Per quanto concerne i palleggiatori, intoccabile il capitano Simone Giannelli, è ai saluti dopo due stagioni alla Blm Group Arena Nicola Daldello, classe 1983, che probabilmente giocherà per un’altra stagione prima di chiudere la carriera. Verrà sostituito da un atleta italiano, probabilmente giovane.
Per quanto concerne gli opposti, hanno già fatto le valigie sia Luca Vettori, che tornerà a vestire la maglia di Modena dopo le tre stagioni trentine nelle quali ci si attendeva quel definitivo salto di qualità che purtroppo non ha compiuto, sia Mitar Djuric, che dopo lo stop di due anni a causa della mononucleosi non è riuscito a ritrovare la forma e ha finito per rimanere sempre nell’ombra: nella prossima stagione vestirà la maglia dell’Ach Volley Ljubljana, la più prestigiosa squadra slovena.
Passando agli schiacciatori, hanno salutato il club di via Trener i tre più importanti: Uros Kovacevic, pur non avendo ancora svelato il nome del team, ha chiarito che giocherà in Cina, non andrà quindi a rafforzare alcuna avversaria della Trentino Volley dopo tre stagioni in gialloblù condizionate dai suoi problemi fisici: tanti nella prima e nella terza, nessuno nella seconda, quella in cui ha infatti condiviso con Leon il titolo di miglior giocatore del campionato assegnato dalla Gazzetta dello Sport. Ha salutato anche Aaron Russell, che qui è rimasto due stagioni, diretto verso Piacenza, dove dovrebbe insieme al tedesco Grozer dare vita ad una coppia pericolosissima di picchiatori, così come Klemen Cebulj, scelto dall’ambizioso Resovia allenato da Alberto Giuliani.
L’unico che dovrebbe continuare a crescere nel gruppo allenato da Lorenzetti è il cubano Luis Sosa Sierra, che alla prima stagione nel nuovo ruolo di posto-4 ha mostrato qualità eccezionali a muro e in attacco, ma anche una marcata fragilità in ricezione. C'è ancora molto da lavorare.
Fra i centrali, confermato Srecko Lisinac, che ha fatto seguire a una prima stagione non certo entusiasmante una seconda strepitosa, sono in partenza gli italiani Davide Candellaro e Lorenzo Codarin: il primo è libero di muoversi sul mercato (anche nel suo caso Piacenza è una possibilità concreta), il secondo è statao ceduto in prestito a Cuneo, una delle squadre più ambiziose della prossima A2. Il sicuro arrivo di Podrascanin e del promettente Cortesia renderanno ancora più forte il reparto.
Infine i liberi. Jenia Grebennikov è stato il primo a salutare la truppa, avendo firmato un accordo vincolante con Modena (ai tempi in cui poteva permettersi di promettergli un ingaggio nettamente superiore a quello trentino) ben prima che terminasse la stagione, mentre Carlo De Angelis è ancora in biblico: se dovesse aprirsi la possibilità di un prestito ad un club di A2 verrà sfruttata, altrimenti rimarrà come vice del nuovo arrivato, che con tutta probabilità sarà Rossini.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,25 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video