SporTrentino.it
SuperLega

SuperLega al via: per l'Itas Trentino la trasferta a Padova

Scatta ufficialmente domenica alla Kioene Arena di Padova (aperta per contenere al massimo 700 spettatori) la ventunesima partecipazione di Trentino Volley al massimo campionato nazionale di pallavolo maschile. La formazione gialloblù inaugurerà la sua SuperLega Credem Banca 2020/21 affrontando in trasferta la Kioene Padova nel match valido per il primo turno di regular season. Fischio d’inizio previsto per le ore 18: cronaca diretta su Radio Dolomiti e live streaming su Lega Volley Channel all’indirizzo www.elevensports.it.

QUI ITAS TRENTINO
Subito dopo la conclusione del cammino in Supercoppa, la formazione gialloblù ha avuto un’intera settimana di tempo per preparare l’esordio in SuperLega, che per il secondo anno consecutivo avverrà lontano dalla BLM Group Arena. Negli ultimi cinque giorni di allenamento il gruppo ha potuto nuovamente contare sulla disponibilità di Lucarelli (già in campo per qualche scorcio di partita domenica scorsa a Civitanova Marche) e Lisinac, che sono tornati ad allenarsi con i compagni e verranno regolarmente inseriti a referto. In particolare, il recupero definitivamente completato dello schiacciatore brasiliano, che a Padova partirà per la prima volta titolare, è stato quanto mai opportuno perché andrà a compensare l’assenza del pari ruolo Alessandro Michieletto, da oggi impegnato con l’Italia Juniores nell’Europeo di categoria che si gioca in Repubblica Ceca.
«Siamo carichi, determinati e pronti per iniziare il nostro campionato subito con un match particolarmente tosto – ha spiegato in sede di presentazione della partita l’allenatore Angelo Lorenzetti - . Padova sarà infatti un avversario difficile da superare, come hanno già chiarito le prime partite giocate dalla Kioene in Coppa Italia. Si tratta di una squadra che rispetto al passato ha modificato notevolmente il roster ma non ha comunque perso le sue peculiarità distintive, confermandosi formazione aggressiva e pronta a dare del filo da torcere a chiunque. Sono contento di poter finalmente utilizzare sin dal primo scambio un atleta del calibro di Lucarelli; non può essere ragionevolmente al massimo, ma in settimana ha lavorato bene, ha tanta voglia di giocare».
A Padova Trentino Volley debutterà in campionato per l’ottava volta in trasferta su ventun occasioni. Il bilancio degli esordi lontano da Trento non è particolarmente positivo, tenendo conto che solo in tre circostanze è arrivato il successo: a Ravenna il 27 ottobre 2013 e 20 ottobre 2019 (0-3) e a Monza il 28 ottobre 2015 per 3-1. Più in generale, la prima di campionato ha regalato un sorriso a Trentino Volley in dodici occasioni su venti: oltre alle tre vittorie esterne già menzionate, vanno infatti aggiunte anche nove affermazioni casalinghe: stagione 2002/03 (3-1 su Milano), 2008/09 (affermazione in tre set su Forlì), 2009/10 (3-1 su Latina), 2010/11 (vittoria per 3-0 su Castellana Grotte), 2011/12 (vittoria per 3-0 su Monza), 2013/14 (successo al quinto con Latina), 2014/15 (3-0 su Padova), 2016/17 (3-0 su Vibo) e 2018/19 (3-0 su Siena).
Trentino Volley scenderà in campo in questa occasione per la 848a partita ufficiale di sempre e andrà a caccia della 591a vittoria assoluta: attualmente ne conta 308 in casa e 282 in trasferta.

ESORDIO CON PADOVA CHE PROFUMA DI AMARCORD
Il debutto in regular season proprio contro Padova sta diventando una piacevole abitudine per Trentino Volley. In passato già nelle stagioni 2005/06 e 2014/15 era accaduto che nella prima giornata si verificasse il confronto con i veneti, ma in quei casi (25 settembre 2005 e 19 ottobre 2014, doppio successo per 3-0) avvenne fra le mura amiche della BLM Group Arena (allora PalaTrento). La Kioene Arena, fra l’altro, non sarà mai un palazzetto come tanti altri per Trentino Volley, che proprio in questo impianto colse la prima vittoria in trasferta della sua storia, quasi vent’anni fa. Era il 5 gennaio 2001 e l’allora Itas Diatec Trentino allenata da Bruno Bagnoli si impose per 3-1 in quello che ai tempi si chiamava Pala San Lazzaro con parziali di 19-25, 31-29, 25-21, 26-24. Sulla panchina patavina sedeva Angelo Lorenzetti.

GLI AVVERSARI
La prima fase di Coppa Italia, superata brillantemente vincendo la Pool A e qualificandosi ai quarti di finale, ha immediatamente chiarito quale ruolo possa ricoprire la rinnovata Kioene Padova nel corso del campionato che inizia domenica. Pur avendo modificato per cinque settimi la propria formazione titolare e cambiato allenatore (al posto di Baldovin dalla Serie A3 è arrivato Cuttini, per anni già suo secondo), i veneti sono infatti una squadra già molto compatta e pericolosa, che specialmente fra le mura amiche può rendere la vita difficile a chiunque. Se ne sono accorte subito Piacenza e Cisterna, eliminate dal trofeo anche a causa delle sconfitte rimediate in Veneto (rispettivamente per 3-1 e 3-2); la Kioene è già stata presa in mano dal regista americano Shoji (già visto in Italia a Monza) e ha nell’opposto sloveno Stern e nello schiacciatore polacco Wlodarczyk due riferimenti importanti per il gioco di palla alta. Da seguire con grande attenzione anche l’alternanza italiana in posto 4 fra il rientrante Milan ed il giovane Bottolo; gli elementi di continuità del progetto patavino sono rappresentati dal libero Danani e dal centrale e capitano Volpato.

I PRECEDENTI
A Padova andrà in scena il trentaseiesimo confronto ufficiale della storia fra le due Società; il bilancio è nettamente favorevole ai colori gialloblù, usciti vincitori in ventinove circostanze, ma i veneti hanno esultato in due delle ultime quattro partite giocate: quella del del 20 novembre 2019 alla BLM Group Arena (con parziali di 25-20, 20-25, 19-25, 25-23, 19-21) e la penultima giocata a Padova (7 aprile, gara 2 dei quarti di finale Play Off per 3-0 con parziali di 25-22, 26-24, 25-22). In diciassette precedenti disputati in Veneto, i locali hanno vinto solo quattro volte, tenendo conto anche dei 3-2 ottenuti il 16 febbraio 2003, l’1 febbraio 2004 e il 13 febbraio 2005. La vittoria gialloblù più recente in terra patavina risale al 9 febbraio scorso: 2-3, con parziali di 25-19, 20-25, 18-25, 30-28, 18-20.

GLI ARBITRI
L’incontro sarà diretto dalla coppia composta da Alessandro Cerra (primo arbitro di Bologna, in Serie A dal 2014) e Umberto Zanussi (di Treviso, in massima categoria dal 2006). Il precedente più recente con Trentino Volley per Cerra risale all’ultima partita ufficiale giocata prima del lockdown (8 marzo, sconfitta al tie break a Civitanova Marche), mentre per Zanussi corrisponde al 3-1 casalingo ottenuto contro Piacenza del 13 novembre 2019.

RADIO, INTERNET E TV
La gara sarà raccontata in cronaca diretta ed integrale da Radio Dolomiti, in collegamento dalla Kioene Arena dalle ore 18. Le frequenze per sintonizzarsi sul media partner sono consultabili sul sito www.radiodolomiti.com, dove sarà inoltre possibile ascoltare la radiocronaca live in streaming.
Prevista anche la diretta in streaming video sullo spazio web “Lega Volley Channel”, all’indirizzo internet www.elevensports.it (servizio a pagamento).
In tv la differita integrale della gara andrà in onda lunedì 28 settembre alle ore 21.30 su RTTR, tv partner della Società di via Trener.
Su internet gli aggiornamenti punto a punto saranno curati dal sito della Lega Pallavolo Serie A (www.legavolley.it) e dallo stesso www.trentinovolley.it e saranno sempre attivi sui Social Network gialloblù (www.trentinovolley.it/facebook www.trentinovolley.it/instagram e www.trentinovolley.it/twitter).

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,234 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video