SporTrentino.it
B Maschile

Il derby appassiona per un set, poi il Bolghera domina

La notizia più importante, al di là del risultato finale, ci pare il fatto che ieri Metallsider Argentario e Ks Rent Bolghera siano riuscite a scendere regolarmente in campo e abbiano così finalmente dato il via alla stagione 2020-2021 dopo 11 mesi di stop imposto ad ogni attività agonistica. Alla luce dei rinvii ai quali sono andate incontro le gare d’esordio del Policura Lagaris (in questo stesso girone), di Argentario e Volano in B1 femminile e del Neruda Bolzano in B2 femminile, non è poca cosa.
Detto questo, il derby visto ieri sera a Cognola ha detto quello che in fondo tutti ci aspettavamo potesse dirci. Ovvero che il Bolghera della neopromossa ha solo l’etichetta, dato che può schierare un settetto dotato di due giocatori da serie A2, Paoli e Cristofaletti, e uno da A3, Boesso, ai quali si affiancano compagni di ottimo livello per la categoria, come Baratto, Folie e il libero Pedrolli. Le esperte mani di Consolini sono il collante che tiene insieme il tutto.
In quanto all’Argentario, non va certo giudicato dallo 0-3 di ieri. Si tratta di una squadra molto giovane, che fisicamente paga inevitabilmente dazio quando affronta team così possenti, ma che, si è visto soprattutto nel primo set, può giocare una buona pallavolo, supportata da una buona linea di ricezione e da due laterali dotati buon tecnica. Il dazio lo paga quando deve giocare contro block schierato e soprattutto a muro, fondamentale nel quale ieri ha combinato davvero poco, anche per i meriti degli avversari. I ragazzi di Monica Dal Corso, ad ogni modo, hanno tutto il tempo per migliorare il proprio gioco, magari anche limando il numero di errori in attacco.

Primo set (22-25) – Battaglia serrata fino al 22-22, poi il Bolghera assesta i colpi letali

Il Ks Rent comincia il match con il settetto base, ovvero Consolini in regia, Boesso opposto, Baratto (vicino al regista) e Cristofaletti in banda, Paoli e Folie al centro, Pedrolli libero. L’Argentario risponde con Binioris al palleggio, Bortolameotti opposto, Mazzola (vicino al regista) e Mentasti in banda, Petrich e Ferrarese al centro, Raffaelli libero.
Il primo punto dell’era post-Covid-19 è un attacco di Michele Baratto, il primo di cinque cambi palla, che vengono interrotti dalla prima miniserie di break degli arancioni, propiziata dai servizi di Paoli: Boesso si presenta al nuovo torneo con un attacco e un muro su Mentasti, che valgono il 2-5. Quanto basta per Dal Corso per utilizzare già il primo time out. A rimettere in carreggiata i padroni di casa ci pensa però lo stesso Bolghera, che sbaglia un servizio e due attacchi al centro con Folie (5-6). Il Metallsider prende un po’ di coraggio e va a prendersi la parità grazie ad un altro errore del Bolghera, un fallo di linea di Boesso in attacco (8-8).
La sfida prende quota: Mazzola spreca la palla del possibile 9-8, rifacendosi un attimo dopo, i cambi palla girano a meraviglia fino all’11-12, quando il Bolghera difende e Boesso inventa un favoloso lungolinea da seconda linea, che vale il +2 per i ragazzi di Tait, i quali però, subito dopo, ricominciano a soffrire, in particolare a causa di tre servizi sbagliati su quattro, che regalano il cambio palla senza fatica ai giocatori della collina. Sul 15-16 Mazzola realizza un fortunato ace sul nastro ai danni di Cristofaletti, un attimo dopo Paoli commette un’invasione, per la gioia di Binioris e compagni (17-16).
Siamo al rush finale. Nel ping pong dei cambi palla Bortolameotti dà il proprio contributo con due attacchi vincenti, ma l’Argentario sbaglia anche due battute. Sul 20-20 Cristofaletti restituisce a Mazzola il fortunoso ace sul nastro di pochi minuti prima, ma il numero 1 del Metallsider reagisce con due attacchi vincenti, che valgono il contro-sorpasso sul 22-21. Tutto sembra avviarsi verso un finale palpitante, ma non è così, perché da lì i cognolotti non si schiodano più. Un errore di Mazzola fa 22-22, poi va al servizio il neo-entrato Hueller e rimane lì fino alla fine: il diagonale di Baratto, il primo tempo di Paoli e il muro di Baratto sul neoentrato Valkovets chiudono la frazione.

Secondo set (17-25) – Il Bolghera scappa via fin dalla prima rotazione, l’Argentario accusa il colpo

Si riparte con i settetti invariati e si riparte da quel bliz finale del Bolghera, che piazza subito un importante 0-2 con due block dolorosi (Paoli su Bortolameotti e Boesso su Mentasti). Si arriva sul 4-6 senza grandi sussulti, quando Cristofaletti raccoglie il primo ace in maglia Ks Rent con una staffilata che Raffaelli, peraltro, respinge con un buon piano di rimbalzo, ma senza attutire il colpo che lambisce il soffitto (4-7). L’Argentario sbaglia troppi servizi per poter rientrare e quando rimangono in campo non impediscono a Consolini di produrre primi tempi in quantità in combinazione con Alessandro Paoli. Sul 9-12 il Bolghera dà un altro colpetto allo score con una bordata break vincente di Cristofaletti (9-13), ma il Metallsider ha ancora qualche carta da giocare e lo fa salutando il primo break point della frazione (12-14), omaggio di Boesso. Un muro di Paoli nega a Bortolameotti il -1, poi i ragazzi di Monica Dal Corso tornano sotto: Folie batte bene, Paoli va a segno in primo tempo e poi Bortolameotti sbaglia. Sul 12-16 tutto torna ad essere complicatissimo per i minatori. Il finale è ancora nel segno del Bolghera, che sfrutta la vena di Cristofaletti per realizzare i punti numero 20, 21, 23 (muro su Mazzola) e 24, l’ultimo è un mani e out di Boesso.

Terzo set (14-25) – L’Argentario molla la presa prima ancora di cominciare

Nello starting six del Bolghera non cambia nulla, in quello avversario vengono invertite le posizioni dei due laterali (Mentasti va a finire vicino a Biniors), ma la mossa non dà alcun frutto. Anzi, la frazione inizia in maniera pesantissima per i minatori, che d’un botto si ritrovano dall’1-2 al 1-7 nella rotazione avviata dalle jump float di Baratto: a fare tutto, o quasi, è Paoli, che passa due volte in attacco e a muro castiga in due occasioni Mazzola. In mezzo c’è anche una pipe alle stelle di Mentasti.
I cognolotti sono ormai rassegnati, nonostante la strigliate di Monica Dal Corso, e sul 4-9 incassano altri due break firmati Boesso e Cristofaletti (4-11). L’ultima reazione è affidata alle battute di Mazzola (errore di Cristofaletti e smash di Mentasti per il 7-11), poi torna protagonista Baratto (suoi i punti numero 13, 14 e 17) prima di lasciare nuovamente il proscenio a Paoli, che mura Ferrarese, il neo entrato Franceschini e Mazzola, oltre a scagliare a terra due assist di Consolini. Una tornado che si placa solo sul 12-22, dato che gli ultimi tre punti sono due errori dell’Argentario e un attacco di Cristofaletti.

Un po’ di numeri

Nello score finale spicca ovviamente la differenza di rendimento dei due attacchi (55% contro 32%): se quella costruita con ricezione negativa (44% a 29% per gli arancioni) e in fase break (47% a 18%) non deve preoccupare più di tanto l’Argentario, quella in cambio palla con ricezione positiva (68% a 44%) risulta invece un po’ più allarmante.
Bene entrambe le ricezioni (62% Argentario, 71% Bolghera) con punte di rendimento per Pedrolli e Mentasti (78% per entrambi). In attacco Paoli chiude con il 70%, Cristofaletti e Baratto con il 60%. Dall’altra parte supera la barriera del 50% il solo Ferrarese (4 su 8). Da notare, infine, che dei 10 break point conquistati dal Metallsider nell’intero match ben 6 sono arrivati per errori avversari, solo 1 al servizio, 1 a muro e 2 in attacco. Anche su questo ci sarà da lavorare a Cognola.

Il tabellino

ACV Miners - Ks Rent Cercasì Bolghera 0-3 (22-25, 17-25, 14-25)
ACV MINERS: Binioris 1 (1m), Bortolameotti 7 (7a), Mazzola 8 (6a+1m+1b), Mentasti 4 (4a), Ferrarese 4 (4a), Petrich 6 (5a+1m), Raffaelli (L); Rensi 1 (1a), Caushi 0, Franceschini 1 (1a), Valkovets 0, Merz ne, Bandera (L) ne. All. Monica Dal Corso
KS RENT CERCASÌ BOLGHERA: Consolini 0, Boesso 12 (10a+2m), Cristofaletti 17 (14a+1m+2b), Baratto 8 (6a+2m), Paoli 17 (12a+5m), Folie 3 (3a), Pedrolli (L); Pedron 0, Hueller 0, Thei (L), Bridi ne, Iiriti ne, Delladio ne, Nanfitò ne. All. Massimo Tait
ARBITRI: Daniele Toldo e Roberto De Benedetto
DURATA SET: 25', 22', 19' (totale: 1h13')
NOTE: ACV Miners (attacco 28, muro 3, battuta 1, errori azione 8, errori battuta 10), Ks Rent Cercasì Bolghera (attacco 45, muro 10, battuta 2, errori azione 7, errori battuta 11)

La diretta in streaming

Autore
Andrea Cobbe
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,5 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video