SporTrentino.it
B1 Femminile

L'Ata stavolta conquista un set, difesa e muro si fanno valere

La Walliance Ata Trento archivia il secondo ed ultimo incontro stagionale contro il Villa d’Oro Modena, perdendo in casa per 3-1, ma dietro a questo ko si nascondono molte note positive per Marco Mongera, che ha visto la propria squadra compiere dei passi avanti soprattutto in due fondamentali base della fase break, ovvero il muro e la difesa. Le atine alla lunga hanno pagato dazio alla solidità della squadra modenese, che basa il proprio gioco, semplicissimo, su un servizio potente, tanta difesa e sugli attacchi dei due posti-4 Ferrari e Bellini, ma rispetto al rovescio della prima di campionato e a quello subito dall’Argentario solo quattro giorni prima contro le stesse emiliane, ha saputo rispondere con energia per lunghi tratti del match, toccando e rigiocando palloni su palloni e doppiando l’avversario con il fondamentale del muro (8-4 per la Walliance).
Ovviamente si tratta di note positive se nel breve termine la squadra riuscirà a diventare più credibile in attacco e soprattutto al servizio, fondamentale nel quale è stata sotterrata dal Villa d’Oro (11 ace a 2, che fa seguito al 13-0 di Porto Mantovano). Le percentuali delle due squadre in ricezione, alla fine, premiano addirittura le padrone di casa (36% - 32% di tocchi positivi e 30% -22% di perfetti), ma una differenza di 9 punti diretti guadagnati dai nove metri diventa un fardello ingestibile per qualunque formazione.

La cronaca

Dovendo rinunciare sia a Baccolo sia a Tasholli, che sta smaltendo i postumi del colpo alla caviglia ricevuto sabato scorso, Marco Mongera inizia la prima partita del girone di ritorno con Granieri in regia, Carosini opposto, Blasi e Gitti in banda, Bertoldi e Venturato al centro, Giacomuzzi e Camazzola liberi. Simone Serafini risponde con il solito sestetto, che vede Galli Venturelli in regia, Petruzziello opposta, Ferrari e Bellini in banda, Faietti e Migliorini al centro con Cordella libero.
In avvio le modenesi si portano a condurre le operazioni, prima grazie ad un errore di Gitti (1-3), pareggiato da un break di Carosini, poi grazie ad un ace di Ferrari. Sul 6-7 l’Ata reagisce, sfruttando un errore in attacco di Ferrari e uno smash di Blasi su ricezione lunga di Bellini. La partita decolla e le due squadre non si risparmiano. Un ace di Faietti ancora su Blasi fa 9-10, un attimo dopo Carosini blocca a muro un nuovo possibile break di Ferrari. È un’Ata reattiva, che si tiene stretta il cambio palla, attaccando anche due o tre volte, e che dal 10-11 trova in Camilla Gitti una protagonista assoluta: suo il cambio palla dell’11-11, quello del 12-12, il muro su Petruzziello del 13-12, l’attacco del 15-12. In mezzo c’è anche un errore di Bellini.
Granieri e compagne sono sul pezzo, sfruttano alcuni errori un po’ insoliti delle modenesi per allungare sul 19-15. Sul 20-17 Ferrari riduce il gap, sul 22-20 Petruzziello mura Gitti e Bellini raccoglie la parità. Le padrone di casa, stavolta, non si scompongono. Un cambio palla per parte (Bertoldi senza saltare e Bellini con un pallonetto) fanno 23-23, poi Petruzziello sbaglia la battuta e un attimo dopo Blasi mura Faietti al centro. Si tratta, ridendo e scherzando, del primo set che una squadra trentina riesce a strappare al Villa d’Oro in questo torneo.

Si riparte con le stesse formazioni. L’Ata va subito 3-1 grazie ad un errore di Ferrari e si mantiene davanti fino al 4-3, quando il servizio delle emiliane comincia a fare danni nelle retrovie trentine. La prima serie di break point (con Ferrari in battuta) vale 3 break in attacco (5-6), ma a questa la Walliance riesce a reagire con Gitti e un errore di Bellini (7-6). Poi però ci pensa di nuovo Migliorini a mettere a nudo le debolezze della ricezione di casa (ace su Blasi e invasione di Gitti), ma il peggio deve ancora venire: con le battute al salto di Bellini il Villa d’Oro vola dal 9-11 al 9-17 (sic!), anche grazie a tre ace, con quelle di Galli Venturelli dilaga da 12-20 a 12-25, anche grazie a due ace. Un finale terribile per l’Ata.
Il terzo set ha un andamento abbastanza simile. Primo allungo del Villa d’Oro sul 2-5 grazie a due break di Petruzzelli, usata con fin troppa parsimonia dalla palleggiatrice, poi sull’8-10 l’Ata prova a dare una spallata con la pipe vincente di Blasi. Arrivate a -1, le trentine perdono il controllo della situazione a causa di un micidiale mix di sfortuna e ingenuità. La sfortuna: Venturato batte benissimo e il Villa d’Oro riesce a rimandare nel campo avversario un pallone recuperato ormai sul muro di fondo della palestra e sulla rigiocata Ferrari non perdona; subito dopo Carosini tira sulla parte alta del muro (e forse lo sfiora), ma nonostante le proteste l’arbitro dà il 10-13. L’ingenuità: dopo una buona battuta della solita Ferrari, Blasi manda un terzo tocco in bagher dentro la rete e subito dopo riceve nel campo avversario, dove Petruzziello non perdona. Sul 10-15 la frazione è di fatto terminata. Nel finale c'è spazio per uno show del Villa d’Oro, che conquista cinque break in due rotazioni, mettendo in croce la ricezione dell’Ata con Petruzziello e Bellini.

Si va così alla quarta frazione, che, segue ancora una volta il copione dell’equilibrio fino al raggiungimento della doppia cifra, per poi assistere al dilagare del Villa d’Oro. Le modenesi partono bene grazie ad una ace di Galli Venturelli e a un attacco di Petruzziello (3-5). Con rabbia la Walliance sfrutta il turno al servizio di Gitti per affiancare e sorpassare le avversarie, grazie ad un attacco di Blasi, un ace e un raro errore di Bellini (8-7). Poi ecco i pasticci: una brutta alzata e un attacco out di Venturato su una palla vagante omaggiano senza fatica di due break le modenesi e spianano loro strada verso il successo. Altri due break con un ace di Faietti su Giacomuzzi e con un attacco di Ferrari (10-14). Poi un errore di Carosini vale il 12-17, un attacco di Petruzziello il 13-19 e una pipe out di Blasi il 13-20. Si gioca solo per capire il vantaggio finale del Villa d’Oro, chiude una battuta in rete di Perlot.

Il tabellino completo

Autore
Andrea Cobbe
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,531 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video