z VOLLEY - Un set di incertezza, poi l'Itas domina a Siena
SuperLega
mercoledì 26 dicembre 2018
VOLLEY
Un set di incertezza, poi l'Itas domina a Siena

Il girone di ritorno di SuperLega Credem Banca 2018/19 inizia con una vittoria in trasferta per l’Itas Trentino. Nella serata di Santo Stefano i Campioni del Mondo hanno espugnato il PalaEstra di Siena per 3-1, confermandosi al secondo posto della classifica di regular season ed ottenendo, al tempo stesso, la diciassettesima vittoria consecutiva, la nona in campionato.
I gialloblù non perdono dal 4 novembre (2-3 a Civitanova Marche) e anche in questa occasione hanno dimostrato di saper gestire bene la stanchezza fisica e mentale di un calendario senza soste. Alla volitiva compagine toscana non è bastata una partenza lanciata per riuscire a strappare un punto alla vice-capolista. Assorbito l’iniziale colpo, figlio di iniziali difficoltà in ricezione, Giannelli e compagni hanno in seguito iniziato a giocare la pallavolo che conoscono, con ottimo lavoro fra muro e difesa, ma anche con la capacità di chiudere le occasioni di break point procurate grazie ad un servizio comunque incisivo nonostante il grande numero di errori diretti. Sugli scudi il trio di palla alta Vettori (14 punti col 67%), Russell (16 col 57%, 2 muri e un ace) e Kovacevic (mvp con 15 palloni vincenti, un muro, due ace ed il 52%), ma dal secondo set si sono mossi molto bene anche Lisinac (83% in primo tempo con 4 muri) e Grebennikov, al solito strepitoso in difesa.

La cronaca


L’Itas Trentino si presenta in Toscana senza particolari problemi di formazione: Lorenzetti per il suo starting six sceglie Giannelli in regia, Vettori opposto, Kovacevic e Russell schiacciatori, Lisinac e Candellaro al centro, Grebennikov libero. L’Emma Villas presentata da Zanini prevede Marouf al palleggio, Hernandez opposto, Maruotti e Ishikawa in banda, Spadavecchia e Gladyr al centro, Giovi libero. L’impatto migliore sul match lo hanno i padroni di casa, che con il servizio di Marouf e poi di Ishikawa (ace) scappano subito sull’1-5, costringendo i gialloblù a rifugiarsi in un time out. Alla ripresa del gioco Russell cerca di svegliare i compagni (5-7), ma poi ci pensa ancora Ishikawa ad allargare la forbice (6-10). Trento fatica in attacco ed in ricezione, così Maruotti (ricostruita vincente) e Gladyr (doppio ace) spingono i toscani al massimo vantaggio (+7, 9-16). L’Itas Trentino conserva la calma e tiene le cose migliori del suo primo parziale per la parte finale: con Nelli al servizio e poi con Russell scatenato e Vettori efficace a rete risale sino al meno due (20-22), prima di lasciare di nuovo spazio all’assolo di Hernandez (21-25).
I gialloblù provano a scuotersi in avvio di secondo set, scattando bene sul 5-2 con Kovacevic; Hernandez ricuce lo strappo già a quota 6 ma poi ci pensa ancora la coppia serba a scrivere un nuovo +3 (11-8). L’Itas Trentino aumenta la propria intensità difensiva e guadagna ulteriore margine (13-9, time out Zanini), anche perché Kovacevic è spietato fra muro e attacco (21-15). Siena si disunisce e lascia strada definitivamente agli ospiti che ottengono in fretta i punti che li portano sull’1-1 (25-17).
Si ricomincia sul filo dell’equilibrio (4-4), che viene però spezzato in fretta dalla coppia di posto 4 gialloblù (8-6 e poi 11-9). I toscani sono piuttosto fallosi, mentre Trento è molto precisa in ogni fondamentale; questa differenza crea ulteriore margine ai gialloblù (13-9, 17-12) senza provocare alcuna reazione da parte dell’Emma Villas. Il set si chiude velocemente (25-17), con Lisinac grande protagonista in attacco.
Nel tentativo di chiudere il discorso in quattro set, l’Itas Trentino parte molto convinta anche dopo i tre minuti di pausa: il muro di Russell su Hernandez ed il block di Candellaro su Gladyr regala il primo acuto (8-5). Poi ci pensa Kovacevic a firmare l’ulteriore allungo (14-9); con il serbo al servizio e Vettori in attacco i Campioni del Mondo dilagano, doppiando gli avversari (18-9); il 3-1 finale arriva in fretta (20-13, 22-14, 25-16) con anche Van Garderen in campo (e a segno) fra gli iridati.

Le dichiarazioni


«Non siamo riusciti subito ad entrare in partita anche perché Siena inizialmente ci ha messo in difficoltà fra battuta e ricezione – ha dichiarato l’allenatore dell’Itas Trentino Angelo Lorenzetti al termine del match – . Migliorati questi due fondamentali, la nostra fase di cambiopalla è decisamente cresciuta e siamo venuti a galla con buona personalità. Dal secondo set la nostra partita è infatti diventata più agevole, ma è evidente che questi ragazzi stanno molto bene fra di loro e sanno come aiutarsi per riuscire a venire a capo di molte situazioni difficili. Con questo spirito e con questa motivazione possiamo fare davvero bene, anche quando magari ci capiterà di perdere qualche partita».

Il tabellino


Emma Villas Siena - Itas Trentino 1-3 (25-21, 17-25, 17-25, 16-25)
EMMA VILLAS: Spadavecchia 2, Marouf 3, Ishikawa 11, Gladyr 8, Hernandez 14, Maruotti 7, Giovi (L); Johansen, Cortesia 2, Giraudo. N.e. Vedovotto, Mattei, Caldelli. All. Emanuele Zanini.
ITAS TRENTINO: Candellaro 6, Giannelli 2, Kovacevic 15, Lisinac 14, Vettori 14, Russell 16, Grebennikov (L); Nelli 1, Van Garderen 2. N.e. Cavuto, Daldello, De Angelis e Codarin. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Vagni di Perugia e Bartolini di Firenze.
DURATA SET: 26’, 24’, 23’, 23’; tot 1h e 36’.
NOTE: 2.875 spettatori, per un incasso di 28.018 euro. Emma Villas: 6 muri, 3 ace, 17 errori in battuta, 6 errori azione, 46% in attacco, 48% (29%) in ricezione. Itas Trentino: 11 muri, 5 ace, 22 errori in battuta, 4 errori azione, 61% in attacco, 63% (34%) in ricezione. Mvp Kovacevic.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Inserire almeno 4 caratteri