SporTrentino.it
B Maschile

È Savigliano l'ultimo ostacolo del Bolghera verso la A3

Sarà il Gerbaudo Volley Savigliano l’ultimo avversario con il quale dovrà vedersela il Ks Rent Bolghera nella corsa verso la serie A3. Un ostacolo certamente impegnativo, perché nessuna squadra arriva così in alto per caso e del quale per ora gli arancioni non conoscono granché, ma che probabilmente non rappresenta la più pericolosa delle possibili avversarie. Gli altri cinque abbinamenti hanno messo di fronte Ongina e Garlasco, Bologna e Belluno, Marigliano e Civita Castellana, Palermo e Massa Lubrense, San Giustino e Casarano. Sei di queste squadre saliranno in serie A3, categoria dalla quale non è sceso in serie B alcun team, avendo la Lega di Serie A bloccato le retrocessioni.

Savigliano è un team combattivo, che arriva all’appuntamento con i trentini senza aver perduto alcuna partita nei playoff e avendo vinto ogni gara della post season con almeno due set di scarto, per questo avrà diritto a giocare la gara di ritorno (e l’eventuale golden set) fra le mura amiche sabato 19 giugno. La sfida di andata si giocherà invece sabato prossimo a Sanbapolis (dalle ore 20), questa volta davvero alla presenza dei propri tifosi, dato che l’embargo deciso dalla Fipav a poche ore da gara-1 non vale per la fase finale.
Il settetto cuneese vede in regia Alberto Vittone, classe 1994, che ha conosciuto la B1 a Fossano, poi ha disputato quattro stagioni in B a San Mauro Torinese ed infine è approdato al Savigliano tre anni fa, che si schiera in diagonale con il bomber Giacomo Ghibaudo (1991), opposto (nella foto sotto) nato pallavolisticamente in questa società, con trascorsi a Mondovì fra il 2013 e il 2016, quando disputò anche una stagione in A2: è lui l’uomo dei palloni che scottano, intorno al quale il Bolghera dovrà costruire una gabbia efficace. In banda troviamo Francesco Dutto (1991), atleta alto 1,97, forgiato dal settore giovanile di Cuneo, che di tornei di A2 ne ha affrontati due, uno a Corigliano fra il 2011 e il 2012 e uno nella stessa Cuneo nella stagione 2018-2019; in diagonale con lui si schiera il più giovane e meno prestante Marco Garelli (classe 1998 per 180 centimetri), che comunque ha giocato per tre stagioni a Mondovì disputando due tornei di A2 fra il 2016 e il 2020. Per quanto riguarda i centrali, fanno parte dello starting seven l’esperto Alberto Gonella (del 1983) e Gabriele Ghio (del 1996), prodotto del vivaio locale. Il libero è Daniele Gallo, anche lui cresciuto a Savigliano.

Nel proprio gironcino A1 i ragazzi di Bonifetto hanno conquistato il secondo posto, come il Bolghera, alle spalle del Pvl Ciriè, vincendo 7 partite su 10. Nei quarti di finale dei playoff i cuneesi hanno dovuto vedersela con la Colombo Genova, turno superato agilmente grazie ad un 3-0 esterno e ad un 3-1 casalingo, poi in semifinale hanno fatto fuori il Negrini Acqui Terme, anche in questo caso superato grazie ad un 3-0 esterno e a un 3-1 casalingo, infine hanno eliminato, come ricordato, il Pvl Ciriè, vincendo 3-1 sia in casa sia in trasferta. Anche in questo caso le similitudini con il Bolghera sono evidenti, dato che come i trentini in finale hanno avuto ragione del team che aveva vinto il loro raggruppamento.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video