volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
B2 Femminile

Marzola senza patemi, C9 senza possibilità, Lagaris senza punti

Sempre più in salita la strada del Lagaris, ora chiamato a un mezzo miracolo per rimanere in Serie B2. La sconfitta per 3-0 in casa del Medole costringe le roveretane a vincere tutte le partite di qua alla fine. Sconfitto anche il C9 in casa del Piadena, mentre vince contro il Vidata il Marzola.

La Serie B2 sabato ha emesso alcuni verdetti. Il primo è che Piadena e Peschiera hanno la certezza di disputare almeno i playoff e una delle due sarà promossa direttamente in B1. Anche se il Marzola vincesse tutte e quattro le gare a sua disposizione arriverebbe a quota 48 punti, uno in meno delle cremonesi. L’altro verdetto riguarda invece la zona retrocessione e condanna il Suzzara alla Serie C. Le lombarde devono disputare due partite e il Gussago davanti di sette lunghezze è irraggiungibile. Resta così da decidere soltanto la terza e ultima squadra che lascerà la Serie B2. Purtroppo al momento la maggiore indiziata è il Lagaris, sconfitto in tre set dal Medole. Sarebbe bastato anche un 2-3, ma nel mantovano non c’è stata partita. Con tre incontri da disputare e 6 punti di distanza dal Gussago la permanenza in categoria delle roveretane è appesa a un filo. Rimane immutata anche la posizione del C9 Arco Riva, che nulla ha potuto a Piadena, ma con 8 punti di vantaggio sulle lagarine anche una sconfitta per 3-2 nel derby di recupero con le roveretane basterebbe per garantire la certezza matematica di disputare un altro anno nella categoria. Vittoria, scontata, per il Marzola. Dopo Maines D’Acquisto, sabato ha esordito la palleggiatrice classe 2007 Chiara Mazzonelli.

Lagaris. Contro il Medole servivano punti, non ne è arrivato nemmeno uno. In una serata disastrosa per la ricezione (27% di squadra solo l’8% di perfette), il Lagaris si è avvicinato ancora di più alla serie C. Perso nettamente il primo set, le roveretane si fanno sotto nel secondo, spinte dalle laterali Laura Della Valentina e Giulia Malesardi. Il vantaggio di 12-18 si squaglia come neve al sole e puntando sui servizi (saranno 15 gli ace a fine partita) e il gioco al centro il Medole sigla il parziale di 13-1, che manda in archivio il secondo set. Copione simile nel terzo: Lagaris avanti 9-14, pareggio delle locali (15-15) e nel finale spunto decisivo per il 25-23.
C9 Arco Riva. Sconfitta senza appello per il C9 sul campo del Piadena. Le cremonesi hanno dimostrato di meritare il secondo posto in classifica. Primo set equilibrato sino al 10-10, poi il Piadena accelera fino al 15-10, prima di dare un altro scossone nel finale. Non ci sono speranze per le gardesane nel secondo periodo, sempre sotto nel punteggio con almeno 4 punti di distanza dalle lombarde, che controllano tranquillamente la partita. Il 9-2 del terzo set è preludio di un altro set ancora più a favore del Piadena, che in un batter di ciglia si porta sul 20-6 e chiude l’incontro.
Marzola. Successo doveva essere e successo è stato per il Marzola, che con Tormen e Falvo dall’inizio al posto di Bogatec e Cagol e Dori dal secondo parziale in campo per Pedrotti fa capire subito all’avversario che non è serata e conclude il primo set 25-9. Nel secondo le padrone di casa faticano a trovare gli equilibri giusti e il Vidata ne approfitta per andare in vantaggio e prendere il largo (9-12, 13-19). Sul 18-22 una pipe di Dori dà il via alla rimonta delle poere, che su servizio di Tormen impattano sul 22-22. Annullato un set point, nel finale Dori e un errore avversario portano il Marzola sul 2-0. Identico il dipanarsi del terzo con le veronesi avanti, ma questa volta le rossoblù riescono solo a diminuire lo svantaggio e al terzo set ball il Vidata accorcia le distanze. Equilibrio totale nell’ultimo set sino al 24-24, poi un errore delle ospiti e un muro di Gorgoglione (il sesto della sua serata) consegnano i 3 punti a Brugnara e compagne.

Autore
Paolo Trentini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,594 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video