volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
A2 Femminile

L'Itas Trentino stecca all'esordio: brurtale 0-3 a Brescia

La prima assoluta dell’Itas Trentino in Serie A2 femminile coincide con una sconfitta in tre set maturata al PalaGeorge di Montichiari, casa della Banca Valsabbina Millenium Brescia. Al cospetto di una formazione che al pari delle gialloblù punta a disputare una stagione da protagonista, l’Itas Trentino è incappata in una giornata poco felice, soprattutto nel servizio e nella correlazione muro-difesa, solitamente tra i punti di forza del sestetto di Saja. I 12 punti di Francesca Michieletto con il 41% a rete e i 10 punti di Moretto (56% a rete) non sono bastati all’Itas per strappare set alle bresciane, trascinate al successo da un’ottima prova corale, dalla brillante prestazione di Cvetnic (19 punti) e dal positivo impatto sulla gara di Orlandi, entrata a partita in corso.
Rimane il rammarico in casa trentina soprattutto per l’epilogo della seconda frazione, in cui Bonelli e compagne conducevano per 18-23 prima di incassare la rimonta delle padrone di casa.

La cronaca

Saja, orfano delle infortunate Joly e Stocco, si affida al sestetto tradizionale, con Bonelli in regia, DeHoog opposto, Mason e Francesca Michieletto in posto 4, Moretto e l'ex Fondriest al centro della rete, Parlangeli (seconda ex della sfida) libero. Nessuna sorpresa nemmeno tra le fila lombarde con Beltrami che inizia la sfida del PalaGeorge con Boldini al palleggio, Obossa opposto, Pamio e Cvetnic laterali, Torcolacci e Consoli al centro e Scognamillo libero.

Il primo set è equilibrato fino alle battute conclusive, con l’Itas abile a reagire dopo una partenza non semplice (4-1) e a rimanere avanti nel punteggio fino all’11-12. Due errori in attacco di Michieletto (nel primo caso c’era probabilmente il tocco del muro di casa) e l’ace di un’ispirata Cvetnic regalano il primo strappo significativo del match alla Banca Valsabbina (18-15), avvicinata dal muro di Bonelli (19-17). Lo smash di Consoli su ricezione trentina troppo lunga e l’attacco out di DeHoog regalano però il 23-18 alle lombarde, che non si fanno pregare e chiudono i conti con gli spunti a rete di Cvetnic e Consoli (25-20).

La reazione gialloblù giunge puntuale in avvio di secondo set: l’Itas migliora l’efficacia del proprio servizio ed è più precisa anche in ricezione, piazzando subito l’allungo con l’ace di DeHoog e l’errore di Consoli (3-6). Il cambio-palla trentino è fluido, Fondriest firma in fast il +4 (10-14) e Bonelli trova in Francesca Michieletto un punto di riferimento prezioso e affidabile per incrementare il gap (15-20). Ancora Michieletto, questa volta in pipe (17-22), avvicina al traguardo l’Itas, ma sul più bello le gialloblù si inceppano, incassando un parziale di 5-0 che permette alla Banca Valsabbina di impattare sul 23-23. Finale vietato ai deboli di cuore con Trento che annulla tre set point, Brescia che perde per infortunio Torcolacci, ma trova le energie per completare la rimonta con l’attacco di Orlandi e l’ace di Cvetnic (29-27).

Beltrami conferma Orlandi in posto 4 e si affida a Munarini al centro della rete, ma è il turno in battuta dell’altra centrale bresciana, Consoli, a mandare in tilt la seconda linea ospite: dal 5-4 si passa al 10-4 con Saja che prova a mischiare le carte inserendo anche Serafini e Bisio per il doppio cambio alzatrice-opposto. Il muro di DeHoog, rientrata in campo, riporta a -3 l’Itas (12-9), ma Obossa e Cvetnic incrementano nuovamente il divario, sfruttando un sistema muro-difesa gialloblù stranamente in affanno (18-12). Trento ha un ultimo sussulto con i muri di Mason e Moretto (21-19), ma è tardi per mutare l’inerzia di una gara ormai segnata, con il duo Orlandi-Cvetnic che confeziona in attacco il 25-20 che regala i tre punti alla Banca Valsabbina.

Le dichiarazioni

«La considero un’occasione sprecata, perché abbiamo giocato una partita contratta e con eccessiva tensione, forse dettata dall'esordio. – ha spiegato a fine gara l’allenatore Stefano Saja - Siamo stati poco lucidi nella fase break e nella gestione di molte situazioni, permettendo a Brescia di esprimersi al meglio. C’è rammarico, perché era una gara che si poteva giocare alla pari con loro, ma che al tempo stesso ci fa capire che c’è tanto da lavorare e migliorare se vogliamo essere protagonisti ad alti livelli. Il secondo set lo considero uno dei tanti episodi in cui siamo mancati: abbiamo commesso troppi errori e nella correlazione muro-difesa non ci siamo espressi come sappiamo fare. Non ci aspettavamo una Banca Valsabbina così caparbia in attacco, ma questo è il livello che troveremo e dobbiamo rimetterci a lavorare su ciò che non ha funzionato».

Il tabellino

Banca Valsabbina Millenium Brescia - Itas Trentino 3-0 (25-20, 29-27, 25-20)
BANCA VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA: Boldini 3, Obossa 10, Pamio 2, Cvetnic 19, Torcolacci 2, Consoli 9, Scognamillo (L); Orlandi 9, Munarini 2, Ratti 1. N.e. Foresi, Zorzetto, Blasi (L). All. Alessandro Beltrami
ITAS TRENTINO: Bonelli 2, Mason 7, Moretto 10, DeHoog 9, Michieletto F. 12, Fondriest 8, Parlangeli (L); Bisio 0, Serafini 0. N.e. Meli, Michieletto A., Libardi (L). All. Stefano Saja
ARBITRI: Di Lorenzo di Palermo e Somansino di Teramo
DURATA SET: 25’, 37’, 29’; tot. 1h e 41’.
NOTE: Banca Valsabbina: 3 muri, 5 ace, 7 errori in battuta, 10 errori azione, 48% in attacco, 57% (30%) in ricezione. Itas Trentino: 4 muri, 1 ace, 6 errori in battuta, 10 errori azione, 38% in attacco, 48% (28%) in ricezione

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,594 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video