volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
A2 Femminile

L'Itas Trentino gira a mille, Brescia travolta per 3-0

Meglio di così in casa Trentino Volley il Natale non avrebbero potuto festeggiarlo. Dopo il brutale 3-0 con il quale la squadra maschile lunedì sera ha messo al tappeto Verona, questa sera è toccato alle ragazze demolire con identico punteggio la capolista Valsabbina Brescia. Un risultato nettissimo, che annulla lo 0-3 dell’andata e porta le ragazze di Saja ad un solo punto dalla squadra lombarda, figlio di una prestazione molto convincente, che ha lasciato qualche spazio di manovra alle ospiti solo all’inizio del primo e del terzo set. Troppo poco per poter impensierire le gialloblù, che sono state superiori in tutto: attacco (43%-32%), muro (9-5) e battuta (4-3). Supportate da una ricezione affidabilissima (73% contro il 54% di Brescia), l’Itas Trentino ha concesso alla Valsabbina la miseria di 14 break point nell’intero incontro, il resto lo ha fatto battendo bene senza forzare e quindi sbagliare troppo, difendendo e murando.

Nella giornata in cui Carly Dehoog ha faticato non poco (appena 4 punti per lei al termine del secondo set), ci ha pensato la scatenata Chiara Mason (mvp con un incredibile 61% in attacco e 3 muri) a vestire i panni della mattatrice e a chiudere le azioni più importanti. Dal suo servizio sono arrivati anche 8 break point, il numero più alto del match. Brescia, che invece in posto-4 è andata di male (Pamio 25%) in peggio (Cvetnic 23%), ha provato ad aggrapparsi all’opposta Obossa, che ha però finito per commettere 5 errori e subire 4 muri.

Ora l’Itas Trentino è a un solo punto dalla Valsabbina, ma nel girone di ritorno, cominciato fra ieri e oggi, dovrà guardarsi da una serie di insidie non da poco, come le trasferte di Casnate (il 6 gennaio), Mondovì (il 18 gennaio), Sassuolo (il 5 febbraio) e Castellanza (il 12 febbraio), tutte molto pericolose. È comunque in piena corsa per tutti gli obiettivi, Coppa Italia e promozione, per raggiungere i quali dovrà prima o poi fare i conti anche con la corazzata Roma, che fino ad ora non ha lasciato per strada nemmeno un punto.

La cronaca

Stefano Saja inizia l'incontro con il sestetto base, confermando Silvia Fondriest al centro della rete insieme a Gaia Moretto. Dall'altra parte della rete Alessandro Beltrami fa lo stesso, puntando sulla regista Jennifer Boldini, sull’opposta Josephine Obossa, sulle schiacciatrici Alice Pamio e Lea Cvetnic, sulle centrali Claudia Consoli e Alice Torcolacci, sul libero Serena Scognamillo.

I primi scambi sono all'insegna del massimo equilibrio, visto che fino al 12-12 si annotano tre soli break point, due delle bresciane e uno delle trentine, ovvero un ace realizzato da Chiara Mason su Cvetnic. Le ospiti trovano in Obossa un'uscita affidabile, aiutata da alcuni pasticci in difesa della squadra trentina, che non sfrutta a dovere alcune buone occasioni per allungare. Tutto cambia quando va al servizio Silvia Fondriest, che riesce a mettere in difficoltà la ricezione giallonera e a porre le basi per due errori in attacco di Pamio e Torcolacci e per una pipe vincente di Michieletto. Il punteggio di 15-12 galvanizza le gialloblù, ma Brescia vuole dire ancora la propria e accorcia le distanze con un ace di Torcolacci su Mason (17-16). Da questo momento in poi la Valsabbina si inabissa e le trentine ne approfittano, andando a segno a ripetizione con la coppia Fondriest (2 attacchi) - Michieletto (3 attacchi vincenti è un muro). Sul 23-19 un muro di Torcolacci riapre un piccolo spiraglio a Brescia, ma poi ci pensa Chiara Mason con un attacco e un muro a consegnare il 25-20 all’Itas Trentino. Le giallonere pagano soprattutto i 5 errori in attacco.

Alla ripartenza ci pensa la coppia Fondriest - Mason a lanciare subito verso un nuovo successo parziale la squadra di Stefano Saja. L'attaccante padovana firma i primi 2 punti gialloblù, Carly Dehoog l’ace del 5-4, con il quale riscatta un errore in attacco. Silvia Fondriest mette a terra il pallone del 7-5 e Chiara Mason firma i punti numero 8, 9 e 10 con due attacchi e un muro su Obossa. Beltrami usa il primo timeout già sul 10-6, il secondo appena tre scambi dopo (12-7) a seguito di un nuovo muro di Mason su Obossa. L’ace di Bonelli su Pamio rende già la distanza fra le due squadre incolmabile (13-7), poi alle trentine sarebbe sufficiente amministrare il vantaggio con il proprio cambio palla, ma sul 18-13 il meccanismo si inceppa: un altro errore di Dehoog, unito ad un ace della neo entrata Ratti su Michieletto, riportano Brescia a -3, poi un attacco dell’altra neo entrata Orlandi e un altro ace di Obossa su Parlangeli fissano il 21-19. Un tocco di Bonelli interrompe la serie bresciana, poi è un provvidenziale muro di Moretto su Orlandi a restituire tranquillità all’Itas (23-19). Un servizio sbagliato di Orlandi e un attacco di Michieletto confezionano il 25-21 finale.

Nel terzo set Alessandro Beltrami decide di confermare Bianca Orlandi in posto 4, in sostituzione di Lea Cvetnic, davvero impalpabile. Una fast di Consoli, un muro di Torcolacci su Dehoog e un attacco vincente di Obossa restituiscono per qualche minuto il sorriso alle lombarde dopo due set da incubo (3-6), ma l'Itas Trentino non si lascia intimorire e comincia piano piano a recuperare, sfruttando gli errori in attacco di Obossa e Pamio, compensati da un primo tempo out di Moretto (7-9). La centrale friulana si rifà con due ottimi servizi, che vengono seguiti da un attacco vincente di Michieletto e da un errore di Orlandi, che vale il sorpasso sul 12-11. È ancora un errore di Obossa a permettere all’Itas di allungare, mentre il +3 è frutto di un muro di Moretto sulla stessa opposta bresciana. Ora le padrone di casa sono un treno in corsa e la Valsabbina rinuncia a combattere, commettendo altri errori con Cvetnic e Obossa e con il servizio in rete di Pamio, che chiude la partita sul 25-17, prima del quale Chiara Mason ha modo di esaltarsi al servizio (4 break point con un ace su Cvetnic), mettendo così la ciliegina sulla torta di una prestazione da circoletto rosso, che le vale il premio mvp.

Il tabellino

Itas Trentino - Valsabbina Millenium Brescia 3-0 (25-20, 25-21, 25-17)
ITAS TRENTINO: Mason 16, Moretto 7, DeHoog 9, Michieletto F. 11, Fondriest 8, Bonelli 2, Parlangeli (L); Meli 0, Michieletto A. 0. N.e. Bisio, Serafini, Libardi. All. Stefano Saja.
VALSABBINA MILLENIUM BRESCIA: Boldini 2, Obossa 13, Pamio 5, Cvetnic 5, Consoli 6, Torcolacci 4, Scognamillo (L); Orlandi 3, Ratti 1, Munarini 0. N.e. Blasi (L), Zorzetto, Foresi. All. Alessandro Beltrami.
ARBITRI: Lentini di Milano e Pristerà di Torino.
DURATA SET: 23’, 26’, 23’; tot. 1h e 19’.
NOTE: Itas Trentino: 9 muri, 4 ace, 11 errori in battuta, 8 errori azione, 43% in attacco, 73% (48%) in ricezione. Millenium Brescia: 5 muri, 3 ace, 8 errori in battuta, 14 errori azione, 32% in attacco, 54% (41%) in ricezione. Spettatori: 560. Mvp: Mason.

Autore
Andrea Cobbe
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,953 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video