volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
SuperLega

Itas ancora corsara a Modena: la Final four di Coppa è sua

Per la quattordicesima stagione consecutiva (la sedicesima assoluta) l’Itas Trentino sarà fra le protagoniste della Final Four di Coppa Italia. Il biglietto per il weekend del 25-26 febbraio al PalaEur di Roma, che assegnerà l’edizione numero 45 del massimo trofeo nazionale, è stato staccato ieri sera grazie al successo a Modena per 3-1 nella gara unica dei quarti di finale; in semifinale l’avversario da affrontare sarà la vincente di Civitanova-Milano (che si sfidano nelle Marche giovedì sera).
La formazione gialloblù ha ottenuto questo ennesimo grande risultato societario sovvertendo il fattore campo; come accaduto due mesi prima, il PalaPanini si è trasformato in terreno di conquista per Kaziyski e compagni, capaci di lottare, tenere testa ad un avversario in forma come la Valsa Group e di venire fuori alla distanza, dimostrando tutto il proprio valore.

Dopo un primo set difficile sotto tutti i punti di vista e perso nettamente, la squadra di Lorenzetti è stata capace di risalire la china, soffrire e distendersi sempre più grazie nel finale a grande carattere e voglia di reagire; qualità che sono servite per vincere il braccio di ferro messo in atto nel corso del secondo parziale (vinto ai vantaggi), ma anche per resistere ai numerosi tentativi di rimonta dei locali nelle successive frazioni. Sugli scudi ancora una volta capitan Kaziyski (a segno 22 volte col 48% in attacco, un muro e due ace), mvp assoluto ed emblema di come si possa trasformare una partita nata male in un successo importante. A spalleggiarlo, un gigantesco Podrascanin (5 muri, col 56% in primo tempo ed un servizio sempre affilato), un Michieletto decisivo nei momenti importanti dei tre vinti (12 punti) e un Lavia che ha messo a terra 13 palloni e retto l’onda d’urto della battuta locale, imitato da Laurenzano (molto attivo in difesa). Non poteva esserci finale migliore dell’anno solare 2022 e il 2023 promette di regalare ancora soddisfazioni ed emozioni.

La cronaca

Per la sfida da dentro o fuori, Angelo Lorenzetti conferma lo starting six scelto quasi sempre durante questa prima parte di stagione: Sbertoli al palleggio, Kaziyski opposto, Lavia e Michieletto schiacciatori, Lisinac e Podrascanin centrali, Laurenzano libero. Nello starting six di Modena trovano posto Bruno in regia, Lagumdzija opposto, Ngapeth e Rinaldi in posto 4, Sanguinetti e Stankovic al centro e Rossini libero. La sfida diventa vibrante sin dai primi scambi; i padroni di casa approcciano meglio e partono subito avanti (2-4, 4-6 e 6-10) con Ngapeth e Lagumdzija immediatamente in grande evidenza. Lorenzetti interrompe il gioco, ma il time out non sortisce gli effetti desiderati, anzi è ancora Modena ad affondare il colpo col servizio ed il muro (10-16 e 11-19) mettendo una pietra tombale sul primo set ben prima della sua conclusione. Il tecnico trentino inserisce anche Pace e Džavoronok per Laurenzano e Lavia senza però ottenere particolari risposte; l’unico spunto nel finale è di Podrascanin (da 14-24 a 17-25).

L’Itas Trentino prova a scuotersi dopo il cambio di campo, grazie alla ritrovata vena di Lavia a rete, ben supportato da Kaziyski (5-2) ma la Valsa Group ci mette poco a rimettere le cose a posto (7-7), issata in alto da Ngapeth. A metà del parziale gli ospiti offrono un nuovo strappo con Michieletto al servizio (ace) e Matey a muro (punto su Rinaldi) per 13-10; anche in questo caso gli emiliani risalgono la china sino al 19-18 grazie ad un buon momento a rete (attacco e block) di Rinaldi. Nel finale Kaziyski e Michieletto producono un nuovo allungo (23-19), che però non è quello decisivo, visto che i canarini in seguito annullano tre palle set, si procurano un’occasione per chiudere, non la sfruttano (straordinario attacco di Alessandro) e cedono definitivamente il parziale sul contrattacco di Kaziyski che realizza il 28-26 e firma l’1-1.

L’onda lunga del set vinto allo sprint proietta nel migliore dei modi l’Itas Trentino anche nel terzo periodo, che i gialloblù iniziano a prendere costantemente in mano dopo il 6-6. Kaziyski con battuta e contrattacco fa segnare il 9-6, poi ci pensa Michieletto a difendere lo strappo (14-10). Modena reagisce e con Rinaldi recupera sino al 14-13, prima che Lisinac muri Stankovic firmando il nuovo +3 (16-13). In questo caso la formazione di Lorenzetti è brava a difendere il margine (20-17) e a chiudere sul 25-22 nonostante i padroni di casa nel finale le abbiano messo qualche apprensione addosso annullando quattro palle set.

La lotta punto a punto ricomincia nel quarto set; l’Itas Trentino con Kaziyski prova a scappare (7-5) ma i padroni di casa con Ngapeth e qualche errore gialloblù la riprendono sul 10-10, prima di lasciare scappare via di nuovo gli ospiti (14-12), che però continuano ad essere troppo fallosi in ricezione ed in attacco regalando la nuova parità a quota 17. Podrascanin con una lunga serie al servizio reindirizza definitivamente il set sui binari trentini (22-18); la Valsa Group si innervosisce, sbaglia molto e cede definitivamente sul primo tempo di Lisinac (25-20).

Il tabellino

Valsa Group Modena - Itas Trentino 1-3 (25-17, 26-28, 22-25, 20-25)
VALSA GROUP: Bruno 3, Ngapeth 18, Sanguinetti 6, Lagumdzija 15, Rinaldi 12, Stankovic 6, Rossini (L); Salsi, Sala 6, Marechak, Krick 1. N.e. Gollini, Bossi e Malavasi. All. Andrea Giani.
ITAS TRENTINO: Sbertoli 1, Michieletto 12, Lisinac 7, Kaziyski 22, Lavia 13, Podrascanin 10, Laurenzano (L); Džavoronok, Pace, Nelli. N.e. D’Heer, Cavuto, Berger e Depalma. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Puecher di Rubano (Padova) e Cesare di Roma.
DURATA SET: 23’, 34’, 32’, 28’; tot 1h e 57’.
NOTE: 4.400 spettatori, incasso non comunicato. Valsa Group: 10 muri, 4 ace, 18 errori in battuta, 9 errori azione, 42% in attacco, 44% (21%) in ricezione. Itas Trentino: 10 muri, 4 ace, 12 errori in battuta, 12 errori azione, 42% in attacco, 42% (17%) in ricezione. Mvp Kaziyski.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,906 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video