volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
SuperLega

L'Itas Trentino va ko, al tie break, anche contro Cisterna

Dopo la bella ed importante affermazione di mercoledì sera in Belgio, l’Itas Trentino deve fare i conti con una nuova frenata per quel che riguarda il campionato. Ieri sera i gialloblù sono infatti inciampati a Cisterna di Latina nel posticipo del quindicesimo turno di regular season; i padroni di casa della Top Volley hanno vinto l’incontro al tie break al termine di quasi tre ore di autentica battaglia, costringendo la squadra di Lorenzetti a rimandare ulteriormente l’appuntamento con la prima affermazione del 2023.

La sconfitta porta comunque in dote un punto prezioso per la classifica (che ora vede i gialloblù al terzo posto appaiati a Civitanova), in una giornata in cui tutte le dirette concorrenti sono rimaste a secco, e la bella reazione messa in atto fra terzo e quarto set prima di cedere, comunque col coltello fra i denti, solo per 13-15 al tie break. Sotto 0-2 dopo aver faticato ad entrare in partita, l’Itas Trentino ha infatti sfoderato l’orgoglio dei giorni migliori per risalire la china, vincendo ai vantaggi entrambi i successivi parziali ed annullando anche sei palle match ai pontini. Il cambiamento di assetto proposto da Lorenzetti, che dal finale di terzo periodo ha ricollocato Lavia nel ruolo di opposto e dato fiducia a Džavoronok (ben ripagata, 12 punti) ha infatti offerto nuova linfa al sestetto, che è tornato a lottare in maniera strenua per riaprire la partita, riuscendoci soprattutto grazie agli spunti di Michieletto (27 punti) e alle fiammate al centro della rete di Lisinac (14 con l’82% a rete, 3 muri e 2 ace) e Podrascanin (13 col 75%, due block e un servizio vincente). Il quinto set è sfuggito di mano solo per due punti, deciso da un Dirlic (37) che ha confermato di non essere a caso il miglior marcatore del campionato.

La cronaca

L’Itas Trentino ritrova Kaziyski (aveva saltato la trasferta infrasettimanale di Champions League in Belgio), che Lorenzetti ripropone subito in starting six in diagonale a Sbertoli; gli altri cinque titolari sono Michieletto e Lavia schiacciatori, Lisinac e Podrascanin centrali, Laurenzano libero. La Top Volley risponde con Baranowciz in regia, Dirlic opposto, Bayram e Sedlacek in posto 4, Rossi e Zingel al centro, Catania libero. I gialloblù impattano meglio grazie ad una buona rotazione iniziale di Sbertoli, ma il 4-0 dei primi scambi è solo una fiammata che dura poco, perché i locali spingono subito col servizio, grazie a Dirlic e Zingel ottengono in fretta la parità (8-8) e poi scappano via con due ace, uno dell’ex di turno e uno dello schiacciatore turco (11-14). Trento si rifugia in un time out e alla ripresa grazie ad un muro di Sbertoli a uno su Bayram e ad un errore a rete dello stesso martello riesce a riportarsi in scia (17-18). Cisterna riparte con Sedlacek (17-20) e poi con il solito Dirlic (18-22), ipotecando la vittoria del parziale ben prima della sua conclusione, che arriva sul 21-25.

L’Itas Trentino prova a reagire in avvio di secondo set, tenendo decisamente meglio il campo (5-5, 10-10), senza però riuscire ad andare a segno con continuità in fase di break point, situazione che si materializza solo con qualche spunto personale (muro di Sbertoli, ace di Kaziyski). Cisterna col servizio scappa via di nuovo (14-16), costringendo Lorenzetti ad interrompere il gioco. Alla ripresa la situazione non migliora, anzi (16-20); il tecnico trentino attinge alla panchina (dentro Nelli e Džavoronok per Kaziyski e Lavia) senza però ottenere risposte concrete (18-22). Una positiva rotazione in battuta del martello ceco ex Monza consente ai gialloblù di annullare tre palle set (22-24), prima di cadere alla quarta per mano di Bayram (22-25).

Nel terzo parziale Lorenzetti conferma in campo lo schieramento visto nelle ultime battute del precedente e la sua squadra stavolta parte meglio (6-5) con Lisinac in evidenza in battuta. La Top Volley risponde colpo sul colpo con Dirlic in grande evidenza (10-10) e poi mette la freccia grazie a Bayram (12-14). I gialloblù vacillano, ma con Lavia in campo al posto di Nelli nel ruolo di opposto trovano ancora la parità (14-14) e mettono il naso avanti con Lisinac che mura Rossi (20-19). Il finale di frazione stavolta è tiratissimo (21-21) e vede salire in cattedra Džavoronok, che va a segno in attacco per il 23-23 e poi mura uno Bayram (24-23). Cisterna annulla la prima palla set ma cade alla seconda: Michieletto a segno per il 26-24 che manda le due squadre al quarto periodo.

L’onda lunga della vittoria rocambolesca del precedente set produce effetti immediati anche in quello successivo; Podrascanin realizza tre break point nel giro di pochi secondi firmando subito il +3 (6-3) e costringendo Soli ad interrompere il gioco. Alla ripresa Cisterna si riporta subito a stretto contatto grazie a Sedlacek (7-6); le due squadre nella parte centrale giocano punto su punto (10-10, 15-15, 18-18), alternandosi sovente al comando delle operazioni, grazie a Dirlic da una parte e Džavoronok dall’altra. Si va avanti a braccetto sino ai vantaggi (24-24), dove c’è spazio per una battaglia di rara intensità, risolta solo dopo l’ottava palla set per Trento (37-35, ace di Podrascanin), che a sua volta aveva annullato sei match ball ai locali.

Il tie break vede tornare in auge la Top Volley (6-8 e 8-11) col solito Dirlic, spalleggiato da Sedlacek. Lisinac guida il tentativo di rimonta (11-12), poi però angola out il primo tempo che sembra chiudere il match (11-14). Non è ancora così, perchè Michieletto con un ace riporta sotto i suoi (13-14), che si arrendono solo all’attacco di Dirlic.

Il tabellino

Top Volley Cisterna-Itas Trentino 3-2 (25-21, 25-22, 24-26, 35-37, 15-13)
TOP VOLLEY: Bayram 16, Zingel 8, Baranowicz 3, Sedlacek 13, Rossi 3, Dirlic 37, Catania (L); Kaliberda, Gutierrrez, Mattei 2. N.e. Martinez, Zanni, Staforini. All. Fabio Soli.
ITAS TRENTINO: Podrascanin 13, Sbertoli 3, Michieletto 27, Lisinac 14, Kaziyski 7, Lavia 8, Laurenzano (L); Nelli 1, Džavoronok 12, D’Heer. N.e. Cavuto, Pace, Berger, Depalma. All. Angelo Lorenzetti.
ARBITRI: Canessa di Bari e Ubaldi di Chiaravalle (Ancona).
DURATA SET: 28’, 28’, 35’, 46’, 24’; tot. 2h e 41’.
NOTE: 1.762 spettatori circa, incasso non comunicato. Top Volley: 5 muri, 10 ace, 21 errori in battuta, 12 errori azione, 49% in attacco, 35% (12%) in ricezione. Itas Trentino: 12 muri, 10 ace, 25 errori in battuta, 13 errori azione, 44% in attacco, 35% (19%) in ricezione. Mvp Dirlic.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,907 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video