SporTrentino.it
B2 Femminile

Il Marzola la spunta al tie break, sconfitte C9 e Lagaris

Il Marzola soffre ma la spunta al tie break, sconfitte senza appello per Lagaris e C9 Arco Riva. Il primo turno del nuovo campionato restituisce un buon Marzola che combatte fino alla fine contro il Belladelli Verona, mentre dovranno sudare ancora molto in palestra lagarine e gardesane che poco hanno potuto fare contro i rispettivi avversari che si sono dimostrati, almeno sabato sera, più in palla di loro anche se le attenuanti non mancano soprattutto nelle fila neroverdi.

Marzola - Prima partita per il Marzola ed è subito battaglia. I due sestetti si sono aggiudicati un set a testa - entrambi senza storia - poi hanno dato vita a una sfida entusiasmante dove hanno difeso alla morte e se le sono date di santa ragione in attacco con protagonista Giorgia Depaoli da una parte e l’ex Lagaris e Volano Chiara Fedrizzi dall’altra. L’hanno spuntata al set di spareggio le poere che hanno avuto più carattere e determinazione delle avversarie per portare a casa la prima vittoria stagionale davanti al loro pubblico. Alla presenza di una cinquantina di tifosi tra cui anche una rumorosa rappresentanza ospite per la prima di campionato coach Di Nardo sceglie Tuller al palleggio, Tormen nel nuovo ruolo di opposta, Brugnara e Gorgoglione al centro, Depaoli e Pedrotti al lato e Cagol libera. L’inizio è tutto per le locali che trovano ampi spazi a rete per fare male e si portano subito a distanza di sicurezza. Dopo pochi minuti il set è già segnato e Depaoli con tre attacchi dalla seconda linea fissa il punteggio sul 21-9, impossibile da rimontare per chiunque. La formazione veronese cambia volto nel secondo set aumentando a dismisura l’efficacia del muro-difesa, così come il Marzola non riesce a mantenere lo stesso ritmo visto sino a quel momento. Ne esce un set diametralmente opposto a quello appena descritto. Il Marzola inizia bene e il muro di Brugnara seguito dal primo tempo di Gorgoglione valgono il 10-4 ma da quel momento inizia a giocare le scaligere che pareggiano sul 10-10 e mettono il naso avanti poco dopo (11-12). Non saranno più riprese perché la difesa del Belladelli è impenetrabile e in avanti Fedrizzi e Mazzola iniziano a martellare forte. Di Nardo si gioca le carte Dori, Nahum e Vignoli nel tentativo di togliere riferimenti alle avversarie ma non cambia nulla 3 Verona impatta il conto dei set. La partita diventa molto equilibrata e avvincente nel terzo set. Anche il Marzola registra al meglio la sua difesa e le due squadre non si risparmiano nulla in attacco. Due volte le rosablù provano a passare (6-4 e 11-9) ma due volte vengono riprese e il parziale di 0-5 per l’11-14 firmato Fedrizzi lancia le venete verso la conquista del terzo parziale che si chiude sul 19-25. Ancora più incerto il quarto parziale con le padrone di casa che devono vincere per portare la sfida al tie break. L’equilibrio dura fino sull’11-11 quando dalla linea dei nove metri Pedrotti mette in crisi la ricezione altrui con un ace e 3 servizi molto insidiosi che valgono il 15-11. Due punti della neoentrata Nahum e tre consecutivi di Depaoli scavano il solco (20-13) e fanno sì che la contesa si risolva al quinto set. Il primo break è un ace di Gorgoglione (5-2), Verona inizia a forzare in attacco e si va al cambio campo sull’8-4. Non cambia l’inerzia nella seconda parte del set. Due punti di Nahum intervallati da un erroraccio di Fedrizzi mandano e il secondo ace di Gorgoglione chiudono parziale e incontro sul 15-8.

C9 Arco Riva - La prima nella nuova categoria non dice bene alle gardesane che sul campo del Devis Mantova soffrono la maggior precisione delle avversarie ed escono senza riuscire a conquistare nemmeno un set. Il canovaccio della partita è identico per tutti i tre parziali: gara equilibrata fino a metà set, poi le mantovane hanno iniziato ad accelerare e ridurre gli errori di gioco e per il C9 non c’è stato nulla da fare. Sotto accusa l’attacco che ha chiuso l’incontro con un 26% di efficacia complessiva.
Lagaris - Ancora meno bene è andata al Lagaris sul parquet del Piadena. Complice l’assenza di Stefania Della Valentina, Bejenaru si è trovato al centro con l’esordiente Godoy e Ruele ancora non al top della condizione. Non bastasse all'ultimo minuto si è aggiunta pure l'assenza della palleggiatrice titolare Paoli per problemi legati al transfer. Una condizione assolutamente non ideale per permettere un gioco vario e imprevedibile. Le lombarde ne hanno approfittato per infierire sulle roveretane che non sono mai riuscite a entrare in partita e la sfida si è conclusa sul risultato di 3-0 nel giro di un’ora con parziali netti a favore delle avversarie.

Autore
Paolo Trentini
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,516 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video