volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
SuperLega

Focus sulle tre avversarie di Chamipons dell'Itas

La storia e la consistenza tecnica delle tre squadre che affronteranno la Trentino Itas nel primi turno della prossima Cev Champions League.

Groupa Azoty Kedzierzyn-Kozle (Polonia)

La squadra due volte Campione in carica si ripresenta ai nastri di partenza con due grandi novità rispetto alla Finale dello scorso 22 maggio a Lubiana. L’organico che ha superato 3-0 la Trentino Itas in Slovenia non è più allenato da George Cretu e non può contare sull’mvp di quel match, lo schiacciatore Semeniuk passato a Perugia.
La società ha comunque trovato in fretta dei sostituti; dalla Russia è arrivato il tecnico finlandese Tuomas Sammelvuo e in posto 4 si è deciso di puntare sul bulgaro Karyagin (lo scorso anno a Monza). Confermatissimi invece l’opposto Kaczmarek, il martello Sliwka, il libero Shoji e i centrali Smith e Huber, grandi protagonisti della cavalcata trionfale della precedente edizione.
La recente doppietta in CEV Champions League ha confermato la centralità della società nella pallavolo polacca, tenendo conto che nel suo palmares trovano spazio ben nove scudetti e nove Coppe Nazionali (trofei vinti entrambi nell’ultima stagione), oltre ad una serie di altri prestigiosissimi piazzamenti in campo europeo, come nella stagione 2010/11, quando arrivò ad un passo dalla vittoria proprio della Coppa CEV, cedendo solo al golden set nel doppio confronto di finale con la Sisley Treviso. Quella che prenderà il via a novembre sarà la dodicesima partecipazione al massimo trofeo continentale.
Dieci i precedenti ufficiali con Trentino Volley che ne fanno il Club straniero affrontato più volte dai gialloblù; oltre al 3-0 del 22 maggio 2022 e al 3-1 del primo maggio 2021, in archivio ci sono anche le sfide nella fase a gironi delle edizioni 2012, 2013 e 2018 della Champions League e sella semifinale di Coppa CEV 2015. Il bilancio è di perfetta parità (5-5), con Trento che però ha perso le ultime quattro partite, tenendo conto anche di quelle giocate il 20 dicembre 2017 in Polonia e poi il 14 febbraio 2018 alla BLM Group Arena (entrambe concluse 2-3).

Decospan Vt Menen (Belgio)

Club di Menen, cittadina di trentamila abitanti nelle Fiandre occidentali vicinissima al confine con la Francia, disputerà per la prima volta la CEV Champions League dopo aver preso parte in passato a sei edizioni di Challenge Cup (dove nel 2016 arrivò sino alle semifinali) e a quattro di CEV Cup, a cui ha partecipato anche nella scorsa stagione venendo eliminata da Las Palmas ai sedicesimi di finale.
Si è conquistata la presenza alla massima competizione continentale per Club grazie al secondo posto ottenuto nell’ultimo campionato belga, sconfitto in Finale scudetto dal Roeselare in tre partite. E’ proprio questo il miglior risultato della storia della Società, che è arrivata in prima serie nei primi anni del 2000, senza vincere sino ad ora nessun trofeo (in Coppa di Belgio si è al massimo fermata alle semifinali).
La rosa allestita dalla dirigenza per questa prima storica partecipazione alla Champions League si basa principalmente sulla conferma del nucleo di giocatori che nella precedente stagione ha conquistato la qualificazione, nuovamente affidata alle mani dell’allenatore Frank Depestele (ex palleggiatore di successo con esperienze in Russia, Grecia, Turchia, Francia e Argentina). I punti fermi sono il capitano Sinnesael (centrale), l’opposto Kindt ed il libero Stuer, a cui sono stati aggiunti dal mercato gli schiacciatori Hanninen e Capet, il palleggiatore Ocket, il centrale Van de Velde.

Cez Karlovarsko (Repubblica Ceca)

La Società che fa riferimento alla città di Karlo Vary, nel nord ovest del paese, ha alle spalle una storia piuttosto recente ma già molto importante, essendo stata fondata solo nel 2014. Il suo palmares conta solo due titoli nazionali (vinti nelle ultime due stagioni), ma nella sua storia ha saputo costantemente piazzarsi fra le prime formazioni del campionato ceco, cosa che ha consentito al Club di giocare spesso le Coppe Europee. Quella in corso è infatti l’ottava partecipazione ad un torneo CEV, la quarta di sempre in Champions League, a cui aveva preso parte nelle edizioni 2019, 2020 e 2021. Sulla sua strada in queste circostanze ha trovato spesso compagini italiane; non solo Trentino Volley (affrontata due volte nell’edizione 2021, in entrambi i casi a vincere è stato il Club gialloblù), ma anche Civitanova e Modena. Il miglior risultato continentale di sempre è rappresentato dal quinto posto nella 2017 CEV Cup, vinta dal Tours che eliminò il Karlovarsko nei quarti di finale. Nella scorsa stagione è stata estromessa nel terzo turno preliminare della Champions League (dallo Sporting Lisbona) e ai quarti di finale della CEV Cup (da Tours)
La rosa allestita ed affidata nuovamente a Jiri Novak (primo allenatore dal 2017, dopo aver ricoperto il ruolo di assistente), può contare sul centrale australiano Weir, sull’universale Lamanec e sullo schiacciatore Inhat, tutti nuovi arrivi. Fra le conferme, da segnalare il libero Pfeffer, il palleggiatore olandese Keemink (ex Modena) ed il centrale Patocka, già visiti in campo alla BLM Group Arena il 2 dicembre 2020 in occasione del match della fase a gironi vinto 3-1 da Trento.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,609 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video