volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
A2 Femminile

L'Itas Trentino prosegue la risalita superando Sassuolo 3-1

Il cammino continua. L’Itas Trentino, superando per 3-0 il Bsc Materials Sassuolo, ha compiuto questo pomeriggio un altro passettino verso la parte alta della classifica, inanellando la terza vittoria consecutiva da tre punti, che le vale il terzo posto in classifica in affollatissima compagnia con le stesse modenesi, Olbia e Cremona.
Sassuolo era arrivato a Sanbapolis forte di quattro successi in cinque gare, uno dei quali conquistato contro la capolista Brescia e un secondo contro Olbia, quindi i timori gialloblù della vigilia erano del tutto fondati. In realtà la pratica è stata sbrigata abbastanza rapidamente e il risultato finale avrebbe potuto essere un 3-0 se non fosse che le gialloblù non hanno perso il vizio di regalare dei set, qua e là, giocando a livelli molto bassi, come era accaduto per tre volte contro l’Albese e una contro il Club Italia. Vinto a mani basse il primo e il quarto e perso con un avvio terribile il secondo, quello più combattuto e più divertente è stato il terzo, che fino al 12-12 è rimasto in equilibrio, poi spazzato via dall’ingresso di Denise Meli, che si è subito trasformata nella killer del Sassuolo e ha finito per meritarsi il premio di mvp, pur giocando appena un set e mezzo.

Sul piano tecnico il Bsc ha pagato a caro prezzo soprattutto l’assenza di un vero opposto (la croata Dapic è ancora ai box), che ha finito per oberare di lavoro i due posti-4 Pomili e Pistolesi, ai quali sono stati serviti 80 palloni su 138. Trento ha avuto la meglio in tutti i fondamentali, attacco (36%-30%), muro (9-6), battuta (13 ace a 5) e ricezione (49%-44%), legittimando a tutto tondo il risultato finale.
Di qui alla fine del girone di andata la squadra di Saja avrà ora la possibilità di fare bottino pieno, dato che potrà giocarsi i due scontri più difficili in casa (contro Busto Arsizio e Cremona), in attesa di tuffarsi in un difficile girone discendente, quando dovrà fare visita a Mondovì, Sassuolo, Busto Arsizio e Cremona.

La cronaca

Non ci sono sorprese nei settetti di partenza, visto che Stefano Saja manda al solito in campo Asia Bonelli in regia, Carly Dehoog opposta, Francesca Michieletto e Chiara Mason in posto-4, Silvia Fondriest e Gaia Moretto al centro, Francesca Parlangeli libero. Maurizio Venco, che, come accennato, deve rinunciare all’opposta croata Barbara Dapic, si affida a Chiara Scacchetti per il palleggio, Federica Busolini in contromano, Valentina Pomili e Aurora Pistolesi in posto-4, a Giada Civitico e Linda Manfredini al centro con Federica Pelloni libero.

La partita comincia nel miglior modo possibile per l'Itas Trentino, visto che il turno è servizio di Francesca Michieletto mette a ferro e fuoco il cambio palla delle modenesi: due delle cinque battute si risolvono in altrettanti ace e altre due consentono a Mason e Fondriest di incamerare due break point. Il Sassuolo esce frastornato dalla serie e dà timidi segnali di reazione, finendo poi travolto ancora da una battuta di Bonelli (8-3) e dalla serie di Chiara Mason, capitalizzata con un primo tempo di Moretto, un muro di Michieletto e un attacco di Dehoog, che vale il 12-5. Il set non ha più molto da dire, anche se il Sassuolo prova a ricostruire le proprie trame di gioco, se non altro per farsi trovare un po’ più pronto nella frazione successiva. L'unico momento in cui vi riesce è quando, sul 14-8, si guadagna 3 break point grazie ad una fast di Busolini, un muro di Pomili e un errore di Dehoog. Il timeout di Stefano Saja rimette le cose a posto, tanto che poi si arriva sul 19-15 a forza di cambi palla. Poi ci pensa il turno di servizio di Gaia Moretto, unito agli attacchi di Francesca Michieletto, a concludere la frazione con un parziale micidiale (25-15): la centrale realizza due ace, la schiacciatrice tre attacchi vincenti.

Il cambio di campo azzera tutto. Ora, infatti, è il Sassuolo a prendere in mano le redini della frazione e a mettere alle corde un’Itas Trentino è diventata improvvisamente fragilissima. Si va subito sullo 0-3 con due errori in attacco gialloblù, poi sull’1-5 con un ace di Manfredini su Mason e sul 3-9 grazie ad un'altra battuta vincente di Scacchetti, unita ad un errore di Michieletto da seconda linea e da un attacco di Pomili. L'Itas Trentino vorrebbe reagire, ma non ci riesce e anzi commette un altro errore con Dehoog prima di dare segnali di vita con un attacco di Michieletto, che riavvicina le gialloblù a -5. Tutto frana di nuovo, però, quando inizia la propria serie di battute Federica Busolini, che aiuta la propria difesa a rigiocare palloni su palloni, attaccati in maniera efficace dalla coppia Pistolesi - Manfredini. L’ace del 7-18 chiude la serie e di fatto anche la frazione, anche se nel finale l'Itas Trentino si rende protagonista di una rimonta clamorosa, che non va a buon fine solo perché prende il via troppo tardi: si va da 11-22 a 13-22 con gli attacchi di Mason, poi da 14-23 a 19-23 con Carly Dehoog scatenata e le emiliane diventate improvvisamente fallose. Un errore di Francesca Michieletto regala a Sassuolo il 24° punto, il servizio out di Moretto fissa il 21-25, prima che sia troppo per le emiliane. Tutto da rifare.

Il terzo parziale è sicuramente il più equilibrato. Le due squadre sanno che rappresenta il crocevia della partita e lo affrontano con la massima determinazione. Il 2-0 iniziale a favore delle trentine viene trasformato in un 2-3 da Civitico e Pistolesi, poi le due squadre si sorpassano e si riagguantano fino al 12-11, giocando una buona pallavolo ed equivalendosi. A questo punto è la battuta trentina a salire nuovamente in cattedra, prima quella di Bonelli, assecondata da un attacco vincente di Mason e da un muro di Dehoog sulla pipe di Pistolesi, poi quella della stessa Mason, che fa centro ancora su Pistolesi (17-13). Sassuolo ha ancora delle carte da giocare e lo dimostra quando rimonta due break point grazie ad un ace di Civitico e ad un attacco di Manfredini (19-18), senza dubbio la migliore delle modenesi. A sparigliare le carte ci pensa quindi Denise Meli, che era entrata qualche minuto prima al posto di Silvia Fondriest: la centrale fiorentina va a segno con due fast consecutive e subito dopo con un muro su Busolini; non paga, firma anche la fast del 23-19 e l’ace del 24-19, mentre l'attacco del 25-20 è dell’americana Dehoog.

Sassuolo accusa il colpo e nel quarto set sparisce subito dal campo. In un attimo si trova sotto per 4-2, protagonista ancora Denise Meli con due attacchi consecutivi, poi Francesca Michieletto indossa i panni di mattatrice della linea dei nove metri, come era avvenuto all'inizio del match, mettendo in ginocchio il cambio palla modenese, che incassa un ace, un errore di Busolini e gli attacchi vincenti di Dehoog e Mason. Siamo sul 9-3 e Maurizio Venco ha già utilizzato entrambi i timeout. Prima di capitolare definitivamente il Bsc imbastisce una reazione, che lo porta fino al 9-7, aiutato da un errore di Dehoog. Il time out di Stefano Saja riporta lucidità nella metà campo gialloblù, tanto che l’Itas dilaga. Si va dal 10-7 al 13-7 con due ace consecutivi del indiavolata Meli, da 14-8 a 18-8 con le battute devastanti di Asia Bonelli, che a sua volta raccoglie altri due ace, poi si vola verso il fischio finale con una serie di cambi palla e un ultimo allungo delle trentine con una pipe di Mason e un attacco di prima intenzione di Bonelli, che portano il punteggio sul 23-11. Nel finale Venco dà spazio allo croata Dapic, ma può fare ben poco, perché Sassuolo è ormai con la testa negli spogliatoi. Prima di ricevere il premio di mvp Meli mette a segno anche il muro del 24-13 su Pomili mentre l'ultimo punto del match è un servizio in rete di Martina Bondavalli: 25-14.

Il tabellino

Itas Trentino – BSC Materials Sassuolo 3-1 (25-15, 21-25, 25-20, 25-14)
ITAS TRENTINO: Mason 13, Moretto 9, Dehoog 17, Michieletto F. 14, Fondriest 5, Bonelli 5, Parlangeli (L); Meli 11, Bisio 0, Serafini 0. N.e. Libardi, Michieletto A. All. Stefano Saja
BSC MATERIALS SASSUOLO: Pomili 16, Scacchetti 2,Manfredini 15, Busolini 5, Pistolesi 8, Civitico 3, Pelloni (L); Dapic 2, Dhimitriadhi 0, Vittorini 1, Masciullo 0, Bondavalli 0. N.e. Fornari. All. Maurizio Venco
ARBITRI: Barbara Manzoni di Lecco e Antonio Testa di Padova
DURATA SET: 22’, 29’, 29’, 23’; tot. 1h e 54’.
NOTE: Itas Trentino: 9 muri, 13 ace, 10 errori in battuta, 12 errori azione, 36% in attacco, 48% (36%) in ricezione. Sassuolo: 6 muri, 5 ace, 7 errori in battuta, 12 errori azione, 29% in attacco, 43% (20%) in ricezione. Spettatori: 363. Mvp: Meli

Autore
Andrea Cobbe
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,891 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video