volley.sportrentino.it
SporTrentino.it
A2 Femminile

Si va definendo il parco centrali della nuova Itas Trentino

Terminati i campionati di A1 e A2 femminile, le società stanno procedendo con passo rapido alla costruzione degli organici. Al contingente di 20 formazioni che si presenterà al via, diviso al solito in due gironi, ora mancano solo le cinque che saliranno dalla serie B1 o quelle che le rileveranno i diritti, pratica diffusissima quando si tratta di compiere il grande salto dalla B alla A.
L’Itas Trentino non ha ancora annunciato ufficialmente alcun acquisto, ma abbiamo già raccontato delle trattative con le palleggiatrici Vittoria Prandi e Ilaria Batte e con il libero bolzanino Silvia Fiori, due reparti che saranno nuovi di zecca. Al centro della rete, invece, si dovrebbe registrare l’unica conferma rispetto alla rosa che ha affrontato la serie A1, quella della centrale Giulia Marconato, che peraltro è ancora sotto contratto.

Una giocatrice senza dubbio importante per la categoria, che peraltro conosce bene, avendola già frequentata due anni fa con il Montecchio Maggiore e nei tre precedenti con il Club Italia. A completare il reparto dovrebbero essere altre due atlete di peso per la categoria: una ci gioca da tre stagioni ed è una ex (nel senso che ha già giocato con la Trentino Rosa), l’altra arriverebbe dalla massima serie per trovare spazio per giocare.

Il primo nome è quello di Valeria Pizzolato, che nella stagione 2020-2021, la prima assoluta di Trento in A1, fece parte dell’organico allenato da Matteo Bertini capace di conquistare uno strepitoso ottavo posto con un organico interamente italiano. In quella rosa era la prima alternativa a Silvia Fondriest ed Eleonora Furlan, ma si ritagliò comunque parecchi spazi per mettersi in mostra, soprattutto nel girone di ritorno, realizzando in totale 78 punti (48 in attacco, 25 a muro e 5 in battuta). In seguito si è trasferita al Lmp Bam Mondovì, dove è rimasta per due stagioni, nell’ultima giocando davvero poco, visto che nella partita del 1° novembre contro Cremona si è rotta il legamento crociato di un ginocchio, chiudendo la propria avventura stagionale. Il suo valore lo aveva dimostrato l’anno precedente, realizzando 263 punti e piazzandosi tra le migliori dieci centrali della serie A2.

Il secondo nome sul quale si concentrano le attenzioni della Trentino Volley è quello di Beatrice Molinaro, centrale alta 1.90 originaria di Monfalcone, che nella passata stagione ha giocato a Cuneo in A1, squadra retrocessa in A2 al pari dell’Itas (e poi ritornata nella massima serie con il diritto di Casalmaggiore). Si tratta di un’atleta ormai esperta, nata nel giugno del 1995, che si è ritagliata i propri spazi alle spalle delle titolari Anna Hall e Amandha Sylves, ma che un anno prima a Macerata, sempre in A1, aveva messo a segno 154 punti, di cui 22 ace e 48 muri.

La sua carriera è decollata a Martignacco, che ha portato alla promozione in A2 nella stagione 2017-2018 e con la quale ha poi disputato il secondo campionato nazionale, per trasferirsi in seguito alla Savino Del Bene Scandicci in A1. Nell'estate del 2020 è andata a giocare a Mondovì, dove ha vissuto due annate da protagonista di nuovo in A2, per poi spostarsi a Macerata in A1, come accennato, dove fu compagna del libero Silvia Fiori.

Possibile che a questo terzetto composto da Marconato, Pizzolato e Molinaro si aggiunga una quarta centrale trentina.
Nel frattempo sono anche arrivate le prime ufficializzazioni in merito alle destinazioni di alcune ex, come Gaia Guiducci, che vestirà la maglia di Chieri (A1); Francesca Parlangeli, che le gialloblù ritroveranno da avversaria a Cremona (A2); l’americana Carly DeHoog, che giocherà nel proprio paese, nella nuova League One-Pro; la venezuelana Roslandy Acosta tornerà nella Superliga brasiliana con la maglia Sesi Bauru.

Autore
Andrea Cobbe
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,64 sec.

Classifica

Notizie

Foto e Video